Razzo cinese, allarme Protezione Civile: “State in casa e lontano dalle finestre”

0
288

Lancia l’allarme la Protezione Civile in merito al razzo cinese in caduta incontrollata verso la Terra. L’impatto dovrebbe essere previsto attorno alle ore 2:00 della prossima notte, fra sabato 8 e domenica 9 maggio, e le autorità italiane invitano tutt’altro che a sottovalutare la vicenda, a differenza invece di quanto comunicato negli scorsi giorni da Pechino che ha puntato il dito contro l’Occidente, colpevole a suo modo di vedere di aver ingigantito la vicenda.

Razzo cinese (Foto Esquire)
Razzo cinese in caduta verso la Terra (Foto Esquire)

Dopo la riunione che si è tenuta negli scorsi giorni fra la Protezione Civile, l’Asi, (Agenzia Spaziale Italiana), l’ufficio del Consigliere militare della Presidenza del Consiglio, alcuni rappresentati del ministero dell’Interno – Dipartimento dei Vigili del Fuoco, della Difesa – Coi, dell’Aeronautica Militare – Isoc e degli Esteri, Enac, Enav, Ispra, e la Commissione Speciale di Protezione civile della Conferenza delle Regioni, è emerso quanto segue: “Sulla scorta delle informazioni attualmente rese disponibili dalla comunità scientifica – sottolinea la Protezione civile, come si legge sul sito dell’Ansa – è possibile fornire alcune indicazioni utili alla popolazione affinché adotti responsabilmente comportamenti di auto protezione: è poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici, che pertanto sono da considerarsi più sicuri rispetto ai luoghi aperti”.

Razzo cinese in caduta (Foto IlMessaggero)
Razzo cinese in caduta: l’allarme (Foto IlMessaggero)

RAZZO CINESE IN CADUTA: “NON TOCCATE I FRAMMENTI”

POTREBBE INTERESSARTIRazzo cinese in caduta verso la Terra: Protezione Civile convoca tavolo

Il Dipartimento di Protezione Civile consiglia “di stare lontani dalle finestre e porte vetrate; i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti, così determinando anche pericolo per le persone: pertanto, non disponendo di informazioni precise sulla vulnerabilità delle singole strutture, si può affermare che sono più sicuri i piani più bassi degli edifici; all’interno degli edifici i posti strutturalmente più sicuri dove posizionarsi nel corso dell’eventuale impatto sono, per gli edifici in muratura, sotto le volte dei piani inferiori e nei vani delle porte inserite nei muri portanti (quelli più spessi), per gli edifici in cemento armato, in vicinanza delle colonne e, comunque, in vicinanza delle pareti”.

POTREBBE INTERESSARTIStadio razzo cinese in caduta incontrollata verso la Terra: “Forse in Italia”

E ancora: “E’ poco probabile che i frammenti più piccoli siano visibili da terra prima dell’impatto; alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero resistere all’impatto. Si consiglia, in linea generale, che chiunque avvistasse un frammento, di non toccarlo, mantenendosi a una distanza di almeno 20 metri, e dovrà segnalarlo immediatamente alle autorità competenti”. Secondo i calcoli delle autorità è probabile che lo stadio del razzo cinese vada ad impattare su una di queste nove regioni italiane: Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here