L’Europa e la guerra dell’e-commerce: vuole sapere l’algoritmo di Google

0
257

L’Europa vuole conoscere l’algoritmo di Google per aiutare le piccole e media imprese ad ottenere un successo maggiore con l’e-commerce

Europa Google
Europa Google

E’ ben noto da tutti che, oltre a cambiare continuamente, l’algoritmo di Google è molto complesso da valutare e capire. Grazie ad esso, per chi non lo sapesse, si ottiene il tanto ambito posizionamento sul motore di ricerca. L’algoritmo infatti valute le piattaforme e determina, attraverso delle regole, se queste meritano il podio nei risultati di ricerca o meno.

La Nielsen Norman, azienda di analisi della user experience, nel 2018 ha calcolato che nel 57% dei casi l’utente si ferma nella parte alta di un sito e nel 74% non scende oltre i due primi blocchi. La rete è strapiena di società pronte ad offrire tecniche di miglioramento del ranking, soprattutto per quelle piccole e medie imprese che spesso fanno difficoltà ad emergere nel calderone dell’e-commerce.

L’Europa in aiuto delle piccole e medie imprese: i colossi costretti a rivelare ‘gli ingredienti del loro successo’

LEGGI ANCHE—> Indiana Jones 5 e Harrison Ford ancora assieme: ecco la conferma

La Commissione Europea, intanto, ha imposto l’obbligo di svelare gli ingredienti del successo online da parte di colossi come Google, Amazon, Booking, Glovo, Alibaba ed altri. Nel luglio del 2019 è entrato in vigore il regolamento 1150, detto P2b, con cui è stato posto l’obbligo di trasparenza sui termini di servizio. Qualche giorno fa da Bruxelles è arrivato il manuale con le linee guida per la chiarezza sui meccanismi di ranking. Si tratta di un testo di di ventisei pagine in cui vengono elencati i parametri che influiscono sul posizionamento nei motori di ricerca. Sono 101 le variabili prese ad esempio: dalla velocità di caricamento della pagina al protocollo https, passando per le condizioni di check-in in un albergo, i programmi fedeltà, le recensioni ed punteggi degli utenti al pagamento dei banner pubblicitari.

LEGGI ANCHE—> Si chiama Xiaomi Christmas il periodo di grandi offerte del brand cinese

L’obiettivo dell’Ue è quello di scoperchiare il funzionamento dell’algoritmo senza violare il segreto commerciale delle aziende. Un modo per permettere a piccole e medie imprese di poter competere al meglio. La mossa della vicepresidente della Commissione, Margrethe Vestager, è quella costruire un nuovo sistema di regole che possa, appunto, ridurre le distanze con i colossi. Altra intenzione è quella di indagare sulla trasparenza degli stessi ed imporre multe salate ai trasgressori. A concludere quest’operazione arriveranno, il 15 dicembre, il Digital service act e il Digital market act. La Commissione, comunque, si aspetta anche che le piattaforme precisino il peso di ciascun fattore sul ranking, non solo che consegnino i parametri ai venditori.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here