Digitale terrestre, tv e satellitare: nel 2021 inizia la rivoluzione

0
1906
Digitale terrestre, tv e satellitare nel 2021 (Corriere.it)

Il 2021 sarà un anno senza dubbio di rivoluzione per quanto riguarda le televisioni, e più nel dettaglio, il digitale terrestre e il satellitare. Partiamo proprio dal satellite, dove il DVB-S, l’attuale standard di trasmissione, migrerà al DVB-S2, che prevede la trasmissione dei canali solo in alta definizione e in 4k. A riguardo, già dallo scorso 2 dicembre, i cinque canali Nove, DMAX, Real Time, Cielo e Tv8, trasmettono solo in HD, mentre K2 e Frisbee, canali per i bambini, sono visibili solo con dispositivo HD o 4K. Il 26 dicembre è stata la volta dei 23 canali dei Tg regionali della Rai, e ieri, 31 dicembre, è toccato a Mediaset, trasmettere tutti i canali digitali via satellite, leggasi Iris, La5, Mediaset Extra, Mediaset Italia 2, Tgcom24, 20 Mediaset, TopCrime, Focus, Cine34 e Boing, e in qualità DVB S2. Stessa cosa è accaduta, infine, anche per Cartoonito e LA7d. Come capire se la nostra televisione è compatibile? Basta collegarsi su un canale HD, come ad esempio 501 (Rai Uno) o 505 (Canale 5), e se si è in grado di visionarli non bisognerà fare nulla, in caso contrario, sarà necessario acquistare un nuovo decoder o una nuova tv.

Digitale terrestre, tv e satellitare nel 2021 (Corriere.it)

LEGGI ANCHE Il Digitale Terrestre entra in una nuova era: il Bollino lativù

DIGITALE TERRESTRE, TV E SATELLITE: IL BONUS TV E’ IN ARRIVO

L’introduzione del nuovo digitale terrestre di ultima generazione è stato stabilito dalle norme dell’Unione Europea, e come vi ripetiamo ormai da tempo, il passaggio verso la next generation avverrà in due distinte fasi: la prima, a settembre 2021, e quindi la seconda, a giugno del 2022. A partire da queste due date non si potranno più ricevere i canali televisivi se non dotati di apparecchi di tv acquistati dal primo gennaio del 2017 in avanti. Tutti gli altri saranno quindi costretti a cambiare tv e per venire incontro alle esigenze dei consumatori, il Ministero del lavoro e dello Sviluppo Economico ha pensato di introdurre un “bonus tv” da 50 euro, disponibile fino al 31 dicembre 2022 e del valore totale di 151 milioni di euro (fino ad esaurimento scorte): sarà valido per l’acquisto di una nuova tv o di un nuovo decoder, e destinato alle famiglie a più basso reddito, quelle cioè con un Isee inferiore ai 20mila euro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here