Covid-19, Pfizer poco efficace contro la variante sudafricana

0
274

Pfizer-BioNTech in difficoltà nel contenere la variante sudafricana del Covid: lo rivela uno studio israeliano su pazienti che hanno già ricevuto due dosi del farmaco tedesco-americano.

Pfizer variante sudafricana I
Pfizer-BioNTech meno efficace contro la variante sudafricana del Covid? (pixabay.com)

Uno studio israeliano alza l’allarme sulla variante sudafricana del Covid-19. Tecnicamente classificato come B.1.351, questo ceppo del Sars-Cov-2 sarebbe in grado di eludere le difese immunitarie sviluppate da chi ha ricevuto già due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech.

I risultati dello studio sono in attesa di essere revisionati dalla comunità medico-scientifica, ma restano preoccupanti perché mettono in dubbio – seppure solo parzialmente – l’utilità del farmaco tedesco-americano, fin qui considerato fra i più affidabili ed efficaci.

La ricerca è stata pubblicata sabato 10 aprile. Condotta da ricercatori dell’Università di Tel Aviv e di Clalit, la più grande istituzione sanitaria pubblica di Israele, ha preso in esame un campione di 400 pazienti risultati positivi al Covid a due settimane o più dalla prima o addirittura dalla seconda dose di vaccino Pfizer-BioNTech. Il campione è stato incrociato con un uguale numero di malati non vaccinati, dello stesso sesso e fascia d’età. Vediamo cosa è stato riscontrato.

Pfizer-BioNTech e la variante sudafricana: i limiti dello studio israeliano

Covid (Adobe Stock)
Covid (Adobe Stock)

Nonostante la variante sudafricana di questo coronavirus avesse un’incidenza solo dell’1% sui due gruppi campione, si è dimostrata molto più presente nella categoria dei positivi che avevano già ricevuto due dosi di vaccino. Tra questi, il 5,4% era affetto dal ceppo sudafricano del virus, rispetto allo 0.7% dei casi riscontrati tra i non vaccinati.

In altre parole, per ogni infezione da B.1.351 tra i non vaccinati, ne sono state trovate ben otto tra le persone che hanno ricevuto due somministrazioni di Pfizer-BioNTech. “Ciò indica che questa variante è in grado di aggirare la protezione conferita dal vaccino”, ha detto Adi Stern dell’Università di Tel Aviv, sottolineando però che la ricerca è limitata dai numeri bassissimi della variante sudafricana in Israele.

Gli studi che rassicurano sul valore di Pfizer-BioNTech

vaccino Pfizer
vaccino Pfizer

LEGGI ANCHE>>>Covid, il grande annuncio del Regno Unito: “Raggiunta l’immunità di gregge”

Nessuna presa di posizione ufficiale da parte di Pfizer-BioNTech. Nulla di strano, visto che rispondere a ogni studio parziale – e in questo caso nemmeno revisionato – sarebbe impossibile. A inizio aprile, gli sviluppatori del farmaco preventivo ne avevano attestato l’efficacia complessiva intorno al 91%.

FORSE TI INTERESSA—>Covid-19, Pfizer spinge: chiesta l’autorizzazione per i minori

In passato, altri studi avevano comunque predetto un’ottima prestazione anche contro la variante Sudafricana. Più precisamente, 800 volontari sono stati osservati nell’ambito di una ricerca effettuata in Sudafrica, dove il ceppo è predominante. Fra questi, solo in nove si sono ammalati di Covid, sei dei quali infettati da B.1.351, ma tutti erano stati trattati con il farmaco placebo, ossia non erano stati vaccinati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here