Facebook e Instagram diventeranno a pagamento: sì, ma…

0
137

Facebook e Instagram diventeranno a pagamento: sì o no? È questa la domanda che ronza in testa ai milioni di utenti dei due social più popolari del mondo. Una domanda alla quale cerchiamo di dare risposta, oggi. 

Facebook e Instagram diventeranno a pagamento
Facebook e Instagram diventeranno a pagamento (fonte: Facebook)

Che iOS 14.5 abbia portato con sé un terremoto nella quotidianità degli user di iPhone e dei social network di Mark Zuckerberg è fuori dubbio. La nuova versione del sistema operativo introduce una soluzione a quello che viene identificato da Apple come un problema, nonché un rischio per la privacy: la data economy.

POTREBBE INTERESSARTI –> Facebook e Instagram agli utenti iOS: “Gratis grazie al tracciamento”

Facebook e Instagram diventeranno a pagamento? Ad oggi gratis grazie al tracciamento

Ora gli sviluppatori di app per iPhone ed iPad saranno costretti a chiedere il consenso agli utenti per il tracciamento dei loro dati, utili a fini pubblicitari e non solo. Per farlo, ogni app potrà personalizzare il testo in cui chiede all’utente di consentire – o non consentire – l’accesso al IDFA, vale a dire l’Identifier for Advertisers.

Da qui il polverone, alzato da Facebook e Instagram, che proprio nel messaggio personalizzato hanno specificato come una scelta contro la concessione dei propri dati possa, in un futuro, trasformare i due social da gratuiti a pagamento. Uno dei motivi per cui Facebook ed Instagram sono gratis è proprio per via della raccolta di dati simili. Bloccando questo meccanismo, il social vedrebbe i suoi introiti calare vertiginosamente. Ragion per cui è stato posto un punto esclamativo e la sottolineatura a questo aspetto.

POTREBBE INTERESSARTI –> Su Instagram esplode il fenomeno delle “Porn Live… e il social sta a guardare

Ora: si tratta solo di una bluff/minaccia, o c’è qualcosa di vero nell’ipotesi di un futuro Facebook/Instagram a pagamento? Di sicuro il mancato tracciamento dei dati degli utenti si tradurrà in una grossa perdita economica per i social di Mark Zuckerberg. Di certo arrivare a far pagare un’app che per quasi due decenni è stata completamente gratuita e su cui esistono e si sono costruiti tessuti sociali è improbabile, oltre che immorale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here