Pixel 5: ecco come migliorare l’autonomia con questa ROM

0
71

Pixel 5: un trucchetto per migliorare l’autonomia dello smartphone di casa Google? Installare la ROM di ProtonAOSP, che promette migliori performance e non solo.

Nonostante sia uno smartphone ancora “caldo dal forno”, Pixel 5 è già al centro di una notizia che lo vede protagonista della prima custom ROM disegnata su misura. Il modding, solitamente, è una tecnica che viene utilizzata per allungare la vita degli smartphone oltre il supporto software delle case madri.

Non è il caso del nuovissimo Pixel 5 uscito da poche settimane e che ricordiamo non essere venduto in Italia, ma che rientra a tutto tondo nei piani della custom ROM di ProtonAOSP basata sul codice AOSP 11 apparsa sul forum degli sviluppatori di XDA.

POTREBBE INTERESSARTI –> Google Foto: niente più spazio di archiviazione illimitato a partire da questa data

Pixel 5: miglior autonomia, prestazioni e tanto altro con la prima custom ROM

XDA
XDA (via xda-developers.com)

Una custom ROM che permetterà a chi deciderà di installarla sul proprio Pixel 5 di aumentare ulteriormente le performance dello smartphone di BigG. Nello specifico, nel thread apparso sul forum si parla di un’autonomia maggioreprestazioni migliorate, una interfaccia ridisegnata e tanto altro.

Tra le possibili feature di questa custom ROM, qualche personalizzazione in più rispetto ad Android stock che viene notoriamente installato di default sui Pixel e che potrebbe far gola agli appassionati più smanettoni.

Di seguito una parte dell’elenco completo delle novità introdotte dalla custom ROM. Elenco completo che potete comunque leggere direttamente sul thread dedicato nel forum degli sviluppatori XDA:

  • migliori performance e batteria rispetto agli standard di Pixel 5;
  • UI ridisegnata: colori, effetto sfocato e tema in modalità scura personalizzato;
  • migliorati gli screenshot con combinazioni di tasti e anteprime;
  • migliorata la privacy con supporto a microG, permessi internet, fotocamera e microfono.

POTREBBE INTERESSARTI –> Google Maps, ecco la funzione Trips per rivivere i nostri viaggi più belli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here