Guadagnare 100mila euro all’anno con un mining rig? Ecco come fare

0
123

Il mining rig di Simon Byrne (techarp.com)

Decisamente profittevole il mining rig messo in piedi da Simon Byrne, una complessa architettura hardware composta per la maggior parte dalle introvabili schede video GeForce RTX 3080, che permette di ottenere più di 100mila euro ogni anno. Il mining è una materia alquanto complessa, per alcuni una vera e propria miniera d’oro, per altri solo “robaccia”, fatto sta che ovunque nel mondo vi sono piattaforme che “minano” appunto tutto il giorno, creando bitcoin e quindi soldi. Molti sono coloro che puntano il dito nei confronti di questi sistemi, ritenendoli responsabili dei prezzi alle stelle delle schede grafiche di ultima generazione, e nel contempo, della loro complicatissima reperibilità, soprattutto nel 2020, anno che volge alla conclusione. Fatto sta che l’amico Simon Byrne è riuscito a mettere in piedi un sistema che è costato 93.500 dollari, con ingenti spese mensili in quanto a consumo di corrente elettrica, ma che genera altrettanti dollari, e che nel giro di meno di un anno inizierà a far guadagnare lo stesso Byrne.

Bitcoin e criptovalute (Bbc.com)

LEGGI ANCHE GeForce RTX 3060 Ti già in vendita in Arabia: pronti due nuovi modelli

MINING RIG CON 78 GEFORCE RTX 3080: FRA COSTI FISSI, SPESE E RICAVI

Come spiegato da Hdblog.it, la piattaforma suddetta è composta da ben 78 schede grafiche GeForce RTX 3080: non sappiamo come abbia fatto a trovarle viste le premesse di cui sopra, fatto sta che tenendo conto di un costo cadauno da 1.199 dollari, si arriva all’esorbitante cifra di 93.500 dollari. A questa spesa iniziale vanno poi aggiunti i costi fissi, quelli relativi al consumo di energia elettrica, che a Las Vegas, dove la piattaforma è installata, ammontano a 2.160 dollari mensili tenendo conto anche dell’aria condizionata e della manutenzione. Nel contempo la piattaforma di mining riesce a generare 12.840 dollari al mese in criptovaluta, circa 10.400 euro ogni trenta giorni. Ne consegue, come spiegato sopra, che fra 10 mesi tutto quello che genererà il sistema verrà messo “in tasca” da Simon Byrne: un imponente investimento iniziale ma che verrà ripagato in breve tempo generando poi un grande profitto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here