Digitale terrestre, come scegliere l’antenna più adatta?

0
686

Saggezza popolare dice “Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa quel che lascia ma non sa quel che trova”. Nel caso del digitale terrestre, gli “addetti ai lavori” sembrano essere invece molto consapevoli di quello che aspetta i telespettatori, tanto da dare nuove linee guida quasi quotidiane per non farli trovare impreparati.

Antenna Digitale (Adobe Stock)
Antenna Digitale (Adobe Stock)

Se finora si è parlato tanto di date, switch off provvisorio e definitivo, mux e numerazioni di canali, oggi si parla invece di come scegliere l’antenna giusta per il proprio impianto di ricezione televisiva digitale terrestre.

Digitale terrestre, come scegliere l’antenna più adatta

Antenna Tv locale (Adobe Stock)
Antenna Tv locale (Adobe Stock)

In commercio ci sono molti modelli tra cui scegliere, ognuno dei quali ha una sua caratteristica specifica. Di sicuro tra tante cose di cui tenere conto, ce ne sono alcune che sono “universali”.

LEGGI ANCHE >>> iPhone 12 Mini verso fine produzione: melafonino meno longevo di sempre

In primis bisogna scegliere in base alla dimensione: più è grande, e più elementi sono presenti sull’antenna, più sarà difficile da installare. Poi c’è da considerare il carico di vento: si tratta di quanto le intemperie e i cambiamenti climatici possano influire sull’antenna digitale terrestre e causare danni. Un aspetto da tenere in altissima considerazione se si abita in posti molto ventosi.

LEGGI ANCHE >>> Lotteria degli Scontrini, quali acquisti non sono validi

Ci sono poi i fattori “capacità avanti-indietro” di guadagnare il segnale e il “guadagno in db“. Quest’ultimo aspetto è sicuramente il più importante quando si sceglie una antenna digitale terrestre. Il guadagno in db è infatti un numero indicato in db che indica la quantità di segnale elettromagnetico che l’antenna è in grado di passare a quello magnetico. Per capire come scegliere, è importante sapere che maggiore è il guadagno, maggiore è la potenza dell’antenna (che costerà di più).

Ci sono poi quattro modelli particolari tra cui scegliere nel momento in cui si andrà a fare l’acquisto (sempre che non si propenda per farsela consigliare da un antennista di fiducia: logaritmica, a pannello, direttiva e a banda larga.

L’antenna logaritmica è costituita da due antenne a banda larga che devono essere installate bene perché altrimenti si potrebbe creare una interferenza. E’ il modello più difficile da installare ed è indicato per zone con buon segnale e dove non serve un guadagno troppo alto.

L’antenna a pannello è una delle migliori in fatto di rapporto avanti-indietro. E’ indicata nelle zone in cui il ripetitore non si trova molto vicino.

L’antenna direttiva è indicata per le zone in cui il segnale è debole. Richiede una grande abilità nel montaggio, essendo molto specifica.

Le antenne a banda larga, infine, sono le più diffuse perché garantiscono una maggior ricezione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here