Termometro nello smartphone: ecco iI sensore decisivo che non condizionerà nemmeno il comparto foto

0
297

Un sensore nello smartphone che misura la temperatura? Sembra che oggi si possa avere anche questo, un vero e proprio termometro, senza che si vada a intaccare la funzionalità del dispositivo e soprattutto che sia in grado di rilevare temperature fino a 100° C. Lo rivela uno studio di Science Direct, condotto dal dottor Won Jun Choi e riportato da Repubblica.it

Termometro nello smartphone (Adobe Stock)
Termometro nello smartphone (Adobe Stock)

Il progetto è ancora in fase di studio, naturalmente, ma potrebbe rappresentare una svolta nella misurazione delle temperature facciali soprattutto in questo periodo di pandemia da Covid-19, per scongiurare in maniera molto immediata la possibilità di eventuali contagi, e il termometro si potrebbe anche installare su un semplice smartphone.

Termometro nello smartphone, il progetto di ricerca

Smartphone e termometro, ora si può (Adobe Stock)
Smartphone e termometro, ora si può (Adobe Stock)

La sperimentazione è merito dei ricercatori del National Research Council of Science & Technology della Corea del Sud. Le applicazioni del nuovo studio, pubblicato su ScienceDirect, a firma del dottor Won Jun Choi, potrebbero andare dagli smartphone ai veicoli a guida autonoma.

LEGGI ANCHE >>> Kena Mobile offre la promo “You & Kena” con la quale ti restituisce €2 ogni mese: come averla?

La grande innovazione di questo progetto di ricerca risiede nel fatto che normalmente i sensori di questo genere, lavorando ad alte temperature, hanno necessità di sistemi di raffreddamento che solitamente costano intorno ai 1500 euro, e quindi finora non è stato possibile integrarli in sistemi semplici come gli smartphone per non aumentarne troppo il prezzo.

LEGGI ANCHE >>> Allarme dagli esperti: come i Big Data possono diventare terribili armi

Il ricercatore a capo del progetto “termometro nello smartphone”, dottor Won Jun Choi, è invece riuscito insieme al suo team di ricerca congiunto di KIST e dell’Università di Sungkyunkwan a sviluppare un dispositivo che utilizza un film di biossido di vanadio (VO2-B) stabile a 100 gradi. Questo dispositivo rileva e converte la luce infrarossa generata dal calore in segnali elettrici. Di fatto in questo modo non servono dispositivi di raffreddamento, che rappresentano oltre il 10% del costo dei sensori di immagine termica e consumano grandi quantità di elettricità. Il dispositivo è stato in grado di ottenere la stessa accuratezza di segnali infrarossi a 100 gradi come a temperatura ambiente.

Grazie al nostro lavoro con la ricerca sulla convergenza in questo studio – ha spiegato il dottor Choi – abbiamo sviluppato una tecnologia che potrebbe ridurre drasticamente il costo di produzione dei sensori di immagini termiche. Il nostro dispositivo, rispetto a quelli più convenzionali, ha reattività e velocità operativa superiori. Ci aspettiamo che ciò acceleri l’uso di sensori di immagini termiche nei settori delle forniture militari, degli smartphone e dei veicoli autonomi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here