Color OS12 è ufficiale in Cina: la scelta di Oppo che aprirà a nuove frontiere

0
255

La casa cinese è il secondo OEM ad adeguare il proprio sistema operativo all’ultima update di Android: aumenta la privacy e arriva una feature 3d inedita. Tutti i dettagli, le date e i modelli del roll up.

Oppo (Adobe Stock)
Oppo (Adobe Stock)

Oppo si accoda a Samsung e annuncia la release basata su Android 12 della sua UI proprietaria, ColorOS 12. Se il colosso coreano era infatti stato il primo produttore originale a svelare la skin della casa per l’ultima update dell’OS di Google (One UI), tocca ora al marchio di Dongguan ufficializzare l’uscita di ColorOS 12. Il sistema operativo è completamente indipendente da quello montato lo scorso maggio sul Find X3 per accompagnare la versione Beta dell’ultima edizione di Android.

L’aggiornamento non riguarda solo gli smartphone di Oppo ma anche quelli di OnePlus, che ha già iniziato a usare ColorOS 11 e ha annunciato di stare lavorando a una codifica unica che metta insieme ColorOS e il suo Oxygen OS. Per adesso ColorOS 12 resta appannaggio degli sviluppatori e degli utenti più esperti, essendo basato appunto sull’anteprima di Android 12 dedicata agli sviluppatori. Va da sé che l’ufficializzazione di questa UI sia il preludio ad un adattamento più “divulgativo” che, come target, ha il mercato globale. Tuttavia, l’azienda non si è ancora sbottonata su una possibile data di uscita.

Basato su Android, ColorOS sfrutta al massimo i nuovi sistemi di sicurezza dell’OS modello. Ad esempio, l‘attivazione della fotocamera e del microfono saranno necessariamente preceduti da notifica. Sebbene il 12 non abbia un aspetto troppo distante dal predecessore, il restyling è comunque evidente. Oppo ha messo a punto un’interfaccia più pulita, schermate meno intasate di elementi, un uso più metodico e consistente dello sfondo bianco e in generale icone con un design più stilizzato e per certi versi più comprensibile a prima vista.

ColorOS 12, ecco la feature inedita

Android 12 (Adobe Stock)
(Adobe Stock)

Oppo ha anche annunciato con soddisfazione di aver aggiunto alla UI gli Omoji, ovvero oltre 300 animazioni 3D. Grazie alla tecnologia Quantum Animation Engine, l’interazione con gli Omoji risulta più realistica e “smooth”, riducendo al minimo i ritardi di esecuzione o il glitching nei movimenti. Naturalmente il livello di customizzazione è elevato, e gli utenti possono modificare gli Omoji cambiando lo stile e il colore di capelli, la tonalità della pelle, i connotati come occhi, naso e bocca, e gli eventuali accessori da fornire al proprio personaggio. Tra le altre innovazioni, una Smart Sidebar 2.0 che diventa più maneggevole, con la possibilità di portare le applicazioni selezionate in primo piano.

TI POTREBBE INTERESSARE—>Oppo presenta i nuovi Reno 6 e 6Pro con 5G: dal 9 settembre c’è una novità

Molto bene anche la gestione da remoto del sistema. La funzionalità Cross Screen Interconnection consente di manovrare lo smartphone con un laptop Windows (10 e 11 entrambi compatibili). La velocità della connessione fra i due device tocca i 45 mega al secondo, che dovrebbe soddisfare anche gli utenti più esigenti. Come detto, ColorOS 12 pareggia Android 12 in termini di privacy e sicurezza. Non solo le notifiche per consentire l’utilizzo di camera e microfono alle app di terze parti, ma anche la Privacy Dashboard da cui gestire tutti i settings delle autorizzazioni. Restando in tema di riservatezza, è presente anche una feature in grado di cancellare informazioni o dati sensibili durante la condivisione delle immagini e dei video.

Il roll up: date e modelli

Modello OnePlus N10
OnePlus N10

LEGGI ANCHE>>>Straordinario Android 12: lo controlli direttamente coi movimenti del volto

La release sarà spalmata di qui a fine anno. Il primo modello su cui girerà ColorOS 12 sarà Find X3 Pro Photographer Edition. Una versione beta sarà pubblicata anche per la serie Find X3 e la serie OnePlus 9 in Cina, a ottobre. Poi toccherà ai device più attempati: a novembre sarà la volta dei Find X2 e dei Reno 6, mentre a dicembre il sistema operativo potrà essere installato su Reno 5, sui K9, A95, A93, Ace2 e sugli OnePlus 8.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here