I “danni” del 5G: ora anche Airbus e Boeing lanciano un allarme di possibile pericolo

0
1631

Il segnale 5G, la velocità di trasmissioni dati mobile, continua ad essere al centro dell’attenzione e quindi delle polemiche. Dopo le numerose accuse rivolte a queste frequenze negli ultimi anni, ora anche la Boeing e l’Airbus, le due principali aziende produttrici di aerei al mondo, alzano la voce.

Boeng e Airbus contro 5g, 30/12/2021 - Computermagazine.it
Boeng e Airbus contro 5g, 30/12/2021 – Computermagazine.it

E’ stata infatti inviata una lettera da entrambi al Segretario dei Trasporti statunitense, Pete Buttigieg, in cui viene manifestato il timore nei confronti del sistema 5G, che, a loro modo di vedere, rischierebbe di interferire sui sistemi di navigazione degli aeroplani di linea, in particolare con i radar utili per l’altimetro, con tutti i possibili pericoli che ne possono derivare.

Boeng e Airbus contro 5g, 30/12/2021 - Computermagazine.it
Boeng e Airbus contro 5g, 30/12/2021 – Computermagazine.it

BOEING E AIRBUS SI OPPONGONO ALLE FREQUENZE 5G: ECCO COSA STA ACCADENDO

POTREBBE INTERESSARTIAgcom, consultazione pubblica per la proroga delle frequenze del 5G

La FAA, Federal Aviation Administration, l’agenzia degli Stati Uniti che gestisce appunto l’aviazione d’oltre oceano, ha sempre replicato a tali “accuse”, spiegando che sulla frequenza di trasmissione utilizzata dagli aerei e dalle torri di controllo degli aeroporti, non si sono mai verificati dei contrattempi. La lettera di Boeing e Airbus, potrebbe in realtà nascondere un interesse economico, in quanto, le due aziende fanno notare che con l’avvento del 5G, sarebbero necessari maggiori controlli e possibili complicazioni, che farebbero lievitare i costi. Le due aziende, nella missiva, hanno spiegato che attualmente stanno lavorando “con altri attori del settore aeronautico negli Stati Uniti, per comprendere le potenziali interferenze del 5G con i radioaltimetri”. E Boeing ha poi aggiunto: “Stiamo collaborando con le autorità aeronautiche, i leader di governo, le compagnie aeree e i gruppi industriali per garantire la continua sicurezza operativa degli aeromobili in tutto il sistema aereo mondiale”.

POTREBBE INTERESSARTI “Proroga bando frequenze, scadenza troppo ravvicinata”: la richiesta al Mise delle Tv locali

La Airlines for America, lobby storica dell’aviazione a stelle e strisce, ha ipotizzato che se i nuovi regolamenti della FAA per gestire le frequenze fossero entrati in vigore nel 2019, ben 345mila voli sarebbero stati ritardati o cancellati, con l’aggiunta di altri 5.400 voli cargo. Come scrive Indipendente.online, la Casa Bianca sembrerebbe quindi trovarsi fra l’incudine e il martello, con da una parte i giganti dell’aviazione e le loro lobby, che puntano a posticipare l’avvio dei servizi 5G di AT&T e Verizon (previsti per il 5 gennaio), e dall’altra l’alto costo conseguente il ritardare una risorsa molto importante per l’intera economia degli Stati Uniti. AT&T e Verizon hanno messo in campo ben 80 miliardi di dollari per modificare le frequenze in 5G, e secondo il Boston Consulting Group, eventuali ritardi potrebbero pesare ben 50 miliardi di dollari sulle previsioni di crescita del Paese. Staremo a vedere nei prossimi tempi come finirà questa ennesima battaglia sul 5G.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here