Ragazza scopre tradimento del partner con “Trova il mio iPhone”; le amiche la riprendono e diventa un TikTok virale

0
684

La storia comincia con un video che recita “La nostra migliore amica ha il ‘Trova il mio iPhone’ del suo ragazzo senza che lui lo sappia, ora lei è in Erasmus e lui sta a casa dell’ex. Stiamo andando”, e questa è solo la didascalia del primo dei tre video diventati virali su TikTok e che molti hanno seguito come una saga . E si apre il dibattito sul noto social: commenti da “Vi adoro” o invece “A parti inverse come sarebbe stato trattato mediaticamente questo caso?”  A voi l’ardua sentenza.

L’inseguimento del ragazzo diventa virale su TikTok: si è superato il limite? – Computermagazine.it

Ormai se tradiamo, finiamo automaticamente su qualche social. Niente è più lasciato alla privacy, su TikTok basta fare un giro veloce per vedere almeno tre video “denuncia” dove si fanno nomi, si mettono foto, screen di chat e, in questo caso, inseguimenti, del traditore.  È il caso di una ragazza, in Erasmus, che ha scoperto il tradimento del ragazzo grazie a ‘Trova il mio iPhone’, la funzione dei dispositivi Apple che ne permette il monitoraggio della posizione remota. Ma andiamo con ordine. Tutto è iniziato ovviamente su TikTok, attraverso un primo video pubblicato dal profilo @Camici,  il 26 dicembre e che ha riscosso un successo che evidentemente nessuno si aspettava: ben 2,4 milioni di visualizzazioni con 303mila like. “La nostra migliore amica ha il ‘Trova il mio iPhone’ del suo ragazzo senza che lui lo sappia, ora lei è in Erasmus e lui sta a casa dell’ex. Stiamo andando”, è la didascalia che si può leggere sotto al video in cui le due amiche si riprendono in automobile per le strade di Roma, alla ricerca del ragazzo della loro amica.

LEGGI ANCHE>>> Spotify copia TikTok: inserisce lo scorrimento verticale per riconquistare la vetta

Seguono poi altri due video, viste le alte visual fatte dal primo: il primo in cui le ragazze arrivano sotto la casa ‘incriminata’, ovvero quella dell’ex, e si accostano al marciapiede, vedendo parcheggiata la macchina del fidanzato dell’amica, nascondendo la targa (almeno questo): “Ora videochiamiamo la nostra amica così vede tutto in diretta”. Della serie “facciamola soffrire in diretta”. Infine il terzo video, in cui le giovani inseguono il ragazzo con la presunta amante, assurdo che non si sia accorto di niente. : “Si sono seduti in quel bar. Eccoli! Ora mandiamo la foto alla nostra amica. Non possiamo farvi vedere la foto di lui perché non posso farvelo vedere”, affermano. “Vi aggiorneremo”, si conclude il terzo video. Come andrà a finire secondo voi?

La pagina Webboh, sempre informata, ha pubblicato la notizia sui social solo qualche giorno fa e, tra i commenti, ecco che spunta  anche quello di una delle due amiche in questione: “Vi giuro che più tardi esce la quarta parte, ha scritto. Tanti i commenti di supporto: “No vabbè, amo tutto questo”, “Vi prego voglio anche io delle amiche così“, “Hanno speso tutta la serata per aiutare l’amica, sono state bravissime. Sto morendo dal ridere”. Uhm. Bravissime? La quarta parte, un po’ amara: l’amica si rende conto che il suo ragazzo si vede con la ex. (spoiler)

LEGGI ANCHE>>> inchiodati TikTok, YouTube e Facebook: sui loro canali milioni di visualizzazioni per crudeltà sugli animali, è ora che assumano responsabilità

Ma quanto si può mostrare sui social, senza dover buttare la privacy di un altro, nero su bianco? Qualcuno infatti non ha affatto gradito: “Quindi pubblicare su TikTok una serie di atti illeciti, tra cui l’uso fraudolento degli accessi di una terza persona per localizzarla tramite il suo telefono e poi farla seguire, non ci porta ad una riflessione sulle relazioni tossiche, ma anzi ci diverte? Ok, però raga spiegatemi come funziona, prima che qualcuno si interroghi su come sarebbe stato trattato mediaticamente questo caso se il genere delle parti coinvolte fosse stato invertito“. Voi cosa ne pensate? Trovate giusto il comportamento di queste ragazze?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here