La Cina riesce nell’impossibile: modificata l’orbita di un satellite con un altro, prima volta in assoluto

0
394

Anche se non è arrivata per prima, fa sicuramente tanta notizia l’operazione cinese per la quale un satellite per la mitigazione dei detriti spaziali, chiamato Shijian-21, ha agganciato un satellite defunto per alterarne l’orbita geostazionaria. Un’operazione che prima d’ora era stata effettuata solamente dagli Stati Uniti.

Satellite cinese 20220129 cmag
Un satellite cinese irrompe nell’orbita di un altro satellite – Adobe Stock

I dati rilasciati dalle società di monitoraggio spaziale mostrano che Shijian-21 ha condotto sofisticate operazioni di avvicinamento e prossimità (RPO) con altri oggetti all’interno e intorno alla cintura dell’orbita geostazionaria sin dal suo lancio nell’ottobre dello scorso anno.

Questa attività è culminata con l’attracco di Shijian-21 con il defunto satellite Beidou-2 G2 e nel rimorchio sopra l’affollata cintura dell’orbita geostazionaria a circa 36.000 chilometri sopra l’equatore.

Shijian-21 e la missione di salvataggio di Beidou-2 G2

Alla fine di dicembre, Shijian-21 si è avvicinato al defunto satellite di navigazione Beidou-2 G2, facendo corrispondere la sua orbita e incontrandosi con il veicolo spaziale. Brien Flewelling di ExoAnalytic Solutions, parlando durante un webinar ospitato dal Center for Strategic and International Studies (CSIS) e dalla Secure World Foundation, ha affermato che Shijian-21 ha eseguito una grande ustione il 22 gennaio, portando il satellite Beidou-2 G2 a 3.000 chilometri sopra la cintura GEO.

L’attracco e la successiva combustione del motore – che era insolitamente grande, portandolo oltre la solita orbita del “cimitero” di 300 chilometri sopra la cintura orbitale GEO – lo ha effettivamente spostato fuori pericolo.

Shijian-21 si è sganciato dal Beidou-2 G2 il 26 gennaio, lasciando il satellite defunto in un’orbita di smaltimento. Da quel momento Shijian-21 è tornato verso la cintura GEO, secondo i dati di tracciamento appena rilasciati dal 18th Space Control Squadron (SPCS) della US Space Force. Beidou-2 G2 era stato lanciato in orbita nel 2009 ma già nel 2010 è finito alla deriva, subendo dei grossi danni nel corso del suo allontanamento dall’orbita iniziale.

I satelliti in orbita geostazionaria corrispondono alla rotazione terrestre e quindi sembrano essere fissi su un punto della Terra sottostante, rendendo la cintura GEO un prezioso spazio orbitale per il monitoraggio del tempo, delle comunicazioni e della sorveglianza.

La Cina descrive Shijian-21 come un satellite per la mitigazione dei detriti spaziali. Tuttavia, nessun dettaglio del satellite né dei suoi obiettivi pianificati è stato rilasciato dal suo sviluppatore, la China Aerospace Science and Technology Corporation (CASC), di proprietà statale, dopo la sua missione di successo. La natura classificata della missione suggerisce che potrebbe avere almeno alcune parti interessate o obiettivi militari.

 

Il lancio, tuttavia, è seguito alla presentazione di un modello di satellite di servizio da parte della Shanghai Academy of Spaceflight Technology (SAST) in un’esibizione aerea un mese prima, descritta come una nave cisterna per carburante spaziale. Un modello del veicolo spaziale presentava bracci robotici che potevano essere utilizzati per il collegamento a un altro veicolo spaziale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here