Dalla ISS ci regalano delle foto spettacolari dell’ultima eruzione dell’Etna visto dallo spazio

0
435

Nelle scorse ore il vulcano siciliano Etna si è risvegliando, tornando ad eruttare. A pochi giorni dalla precedente “esplosione”, il monte catanese è tornato a farsi vivo regalando il solito spettacolo di cenere, fumo e lava, fortunatamente senza alcuna conseguenza per l’uomo.

Etna, 22/2/2022 - Computermagazine.it
Etna, 22/2/2022 – Computermagazine.it

Un evento che ha attirato anche l’attenzione degli astronauti al momento presenti nello spazio, e precisamente quelli impegnati nella missione 66, a bordo della Iss, la stazione spaziale internazionale. Come ricorda Hdblog.it, i pennacchi provocati dalle eruzioni vulcaniche possono raggiungere diversi chilometri di altezza, di conseguenza gli astronauti a bordo della Iss, trovandosi a ben 400 chilometri di distanza dalla Terra, possono godere di una vista decisamente privilegiata. E così che gli stessi hanno ben pensato di fotografare l’evento, regalando degli scatti che come sempre si sono rivelati tanto spettacolari quanto l’eruzione stessa.

Etna, 22/2/2022 - Computermagazine.it
Etna, 22/2/2022 – Computermagazine.it

ERUZIONE ETNA, DUE SPETTACOLARI SCATTI REGALATI DALL’ISS

Il primo scatto è stato realizzato dall’astronauta Matthias Maurer lo scorso 12 febbraio 2022; una volta realizzato è stato postato su Twitter con tanto di tag al collega Luca Parmitano, orgoglio italiano e originario proprio dell’etneo, precisamente di Paternò, in provincia di Catania. Come specificato da Maurer, a causa dell’alta umidità lo scatto non è stato perfetto, ma il pennacchio è chiaramente visibile così come potete notare nella foto più sopra. La seconda immagine è invece quella realizzata dagli astronauti russi a bordo della Iss, e precisamente dal cosmonauta Anton Shkaplerov, una foto più ravvicinata rispetto alla precedente, in cui si vede chiaramente l’attività eruttiva del vulcano Etna in tutto il suo spaventoso splendore.

L’astronauta ha accompagnato l’immagine, datata 16 febbraio 2022, con la didascalia: “la lava rovente esce dal cratere e nuvole di cenere e fumo sono nel cielo sopra la Sicilia. L’attività del vulcano poi si interrompe e poi riprende con una serie di potenti esplosioni”. In attesa di ulteriori spettacolari immagini dallo spazio, dell’attività dell’Etna ha parlato il vulcanologo dell’Ingv di Catania, Mario Mattia, che intervistato nella giornata di ieri dai microfoni dell’Adnkronos ha spiegato: “Si tratta dell’ennesima fontana di lava – riferendosi all’ultima eruzione – dal cratere di sud-est. Per adesso non vi sono differenze con le altre attività, per vedere come evolve bisogna attendere. L’unica novità, per così dire, è questa attività infrasonica della ‘bocca nuova’ accanto al cratere di sud-est con esplosioni interne registrate dai microfoni infrasonici che noi registriamo. Per capire come evolve la situazione- ribadisce infine il vulcanologo, bisogna attendere”. Vedremo se nelle prossime settimane assisteremo ad altre eruzioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here