Il progetto incredibile di “coltivare” embrioni umani per organi di ricambio personali: accade a Israele

0
581

Gli embrioni umani potrebbero avere uno scopo diverso da quello del classico sviluppo che tutti noi conosciamo? Che ci crediate o meno, sì: la tecnologia si è evoluta a tal punto da permetterci di adottare una soluzione diversa dalla solita, e adesso ne parleremo.

Il progetto incredibile di "coltivare" embrioni umani per organi di ricambio personali: accade a Israele
Gli embrioni umani potrebbero avere uno scopo differente – Computermagazine.it

Una impagnia di biotecnologie che ha sede in Israele, Renewal Bio, è intenzionata a creare embrioni umani artificiali partendo da cellule staminali. L’obiettivo è quello di prelevare ed impiantare in paziente malati organi e tessuti in formazione. Questo, dunque, permetterebbe di allungare l’aspettativa di vita delle persone e di dare loro maggiori possibilità in poche parole.

Tuttavia, anche se molti esperti si dicono scettici sulle reali potenzialità di Renewal Bio, c’è da dire che un esperimento del genere è già stato provato, con successo, su dei topi. Forse non è risultato essere un test del tutto inutile o troppo pericoloso, ecco perché vogliono portare avanti l’idea e vedere sino a dove possono spingersi.

I vantaggi di questo uso e le controversie

"Il progetto incredibile di ""coltivare"" embrioni umani per organi di ricambio personali: accade a Israele"
Una idea simile è molto più avanzata di quel che si può pensare – Computermagazine.it

Il dipartimento di genetica del Weizmann Institute of Science è riuscito a creare dei perfetti embrioni sintetici di topo partendo da cellule staminali, e soprattutto senza l’uso di sperma, uova o utero. Ed è stato proprio il successo di questo esperimento a far alzare la mira dei programmi alla società israeliana.

Lo dichiara entusiasta anche Jacob Hanna, cioè il capo del progetto al Weizmann, parlandone in merito: “L’embrione è la migliore macchina per la produzione di organi e la migliore biostampante 3D: vogliamo semplicemente emulare ciò che fa la natura. Gli embrioni replicati non potevano svilupparsi in topi completamente formati e quindi non possono essere considerati reali”.

Però, gli embrioni umani ottenuti in questo modo sarebbero, nelle intenzioni di Jacob Hanna, la soluzione perfetta per i trapianti di tessuti d’organo, l’infertilità, le malattie genetiche e i problemi legati alla vecchiaia. Le cellule del sangue dell’embrione potrebbero essere usate, inoltre, per aiutare a potenziare i sistemi immunocompromessi.

L’uso di embrioni umani per trattamenti medici, coltivati come in questo caso o clonati, è un tema che salta fuori in continuazione all’interno della comunità scientifica. Purtroppo sembra che sia sempre più divisa tra coloro che vedono in questa pratica un avanzamento della scienza medica e chi è preoccupato dai risvolti etici di questa tipologia di progetti.

🔴 Fonte: www.dday.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here