Addio Internet Explorer, Edge lo rimpiazza definitivamente

0
109

L’ultimo aggiornamento di Microsoft Edge è apparso automaticamente sui dispositivi con Windows 10. Explorer potrebbe diventare presto una leggenda.

Internet Explorer
Internet Explorer Foto di Pete Linforth da Pixabay

Per tutti i clienti abituali di Internet Explorer, deve essere un trauma immaginare di non vederlo più sui nostri computer. Forse più per le sue caratteristiche negative, che per quelle positive. Impossibile dimenticare le tante vignette e meme che raffiguravano la lentezza ed i ritardi con cui IE svolgeva i suoi compiti.

POTREBBE INTERESSARTI –> Privacy, anteprima dei link pericolosa nelle app di messaggistica

Rispetto ad Explorer, Edge è già amato da milioni di utenti

Browser
Browser Photo by Sigmund on Unsplash

Il nuovo browser ottimizzato su Chromium sembra essere entrato nelle grazie dei consumatori. La prima versione risale al 2015. All’inizio presentava caratteristiche troppo evolute. Dopo varie modifiche, l’ultima rielaborazione è stata rilasciata pochi giorni fa. Un’installazione automatica sulle più recenti versioni Windows, per altri sarà necessario integrare prima alcuni update.

Secondo un sondaggio di NetMarketShare, a settembre 2020 Edge è il terzo browser più usato al mondo, dopo Google Chrome e Safari. In futuro, Microsoft prevede di portarlo ad aprire oltre mille siti. Intanto, ha diffuso un aggiornamento per poter installare Edge su più dispositivi possibili.

Vedremo Internet Explorer allontanarsi lentamente, poiché alcuni siti non saranno eseguibili sul suo programma. In questo caso, avviene un automatico redirect su Edge. Tra i tanti siti vi sono anche alcuni molto famosi come Facebook, Instagram, Twitter, YouTube. L’informazione è stata resa nota da ZDNet, la quale ha anche registrato un video per mostrare la modalità in cui avverrà il reindirizzamento.

Tutto ciò accadrà a partire dal 19 novembre, attraverso Microsoft Edge versione 87.D’altra parte, l’utilizzo di Explorer non con conta neanche il 5%. Era necessario che Microsoft se ne sbarazzasse, considerati le tante lacune che hanno tormentato gli sviluppatori.

POTREBBE INTERESSARTI –> Amazfit, presentati i nuovi modelli GTR 2 e GTS 2 a partire da 169 euro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here