I Fisker sono la nuova coppia di miliardari che sfidano Tesla

0
550
Henrik Fisker e la moglie (Forbes)

Henrik Fisker e la moglie Geeta Gupta-Fisker puntano a sfidare la Tesla di Elon Musk. Forse i loro nomi vi diranno poco, proprio per questo abbiamo pensato di fornirvi una loro breve biografia. Henrik Fisker, designer danese 57enne, è divenuto famoso in particolare nel 1999, dopo aver disegnato una BMW Z8 argento per il film di James Bond The World Is Not Enough. A inizio 2000 è quindi passato alla Aston Martin prima di sbarcare proprio in Tesla. Nel 2007 ha quindi deciso di mettersi in proprio creando la Fisker Automotive, ma dopo alcuni problemi l’azienda è fallita. L’imprenditore europeo non conosce però la parola fallimento, e dal 2016 ha creato una nuova società che ora ha sede a Los Angeles ed è quotata in borsa, raccogliendo durante l’ipo dello scorso ottobre più di un miliardo di dollari. Con l’incremento delle ultime settimane del prezzo delle loro azioni, da venerdì i coniugi Fisker sono ufficialmente miliardari e il loro patrimonio, come spiega Forbes, si assesta sull’1.1 miliardi di dollari a testa.

Henrik Fisker (Forbes)

LEGGI ANCHE Elon Musk molla tutto: “Su Marte in quattro anni”

I FISKER PRONTI A SFIDARE TESLA: NEL 2022 IL LORO SUV ELETTRICO

“Abbiamo stili di lavoro molto diversi – racconta Geeta Gupta, 46 anni – direi quasi che si tratta di una segregazione del tipo cervello destro/cervello sinistro. Il cervello destro è il lato creativo, quindi è Henrik Fisker. Il lato sinistro è il cervello analitico guidato dai dati. E sarei io”. E così che i due si dividono alla perfezione le mansioni, essendo complementari: “Geeta ha come suo obiettivo ridurre i costi – le parole del 57enne danese – io, invece, ho il compito di assicurarmi che sia un prodotto eccezionale”. In programma il Fisker Ocean, un suv a batteria al prezzo tutto sommato contenuto, 38mila dollari, che enterà in commercio dal 2022. La loro azienda esternalizza la produzione acquistando la maggior parte dei componenti principali, e il loro obiettivo è ora sfidare la Model Y di Tesla, che costa però ben 12mila dollari in più. Fino ad oggi ci sono state prenotazioni per 10mila unità, gente che ha già versato una “caparra” da 250 dollari a testa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here