Trump non si arrende e prepara il ricorso contro la sentenza emessa a favore di TikTok

0
342

L’ex presidente USA è ormai deciso a portare avanti la sua battaglia: ha già presentato un ricorso contro la sentenza emessa a favore di TikTok.

Trump contro TikTok
Trump contro TikTok Foto di icona vettori da Pexels

Prima di abbandonare completamente il suo incarico, Trump è deciso a portare avanti la sua campagna contro la società di TikTok. Com’è noto, l’ex capo della Casa Bianca si è sempre distinto per la sua tenacia e caparbietà ed è così che vuole permanere nelle menti degli americani.

La sua posizione risulta anche coerente con i passati contrasti contro la Cina. Difatti, l’intento dell’imprenditore è far sì che i cinesi non riescano mai a mettere le mani sui dati rilasciati dagli americani all’interno dell’app.

Trump ha sempre sospettato che diverse società cinesi provino continuamente ad insinuarsi nel privato dei cittadini americani per poter prendere il sopravvento e tentare di sopraffare la potenza del nuovo mondo.

Proprio per questo, in seguito all’emissione della sentenza a favore del social network, ha deciso di presentare un ricorso.

POTREBBE INTERESSARTI –> iPhone a Natale: 9 su 10 degli smartphone regalati sono della Mela

Il ricorso di Trump contro TikTok

App TikTok
App TikTok Foto di cottonbro da Pexels

Al termine del fatidico processo, il tribunale si è opposto all’ordinanza che che vieta alle agenzie governative di imporre restrizioni alla società. Il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti, Carl Nichols, ha stabilito, attraverso un’ingiunzione, il divieto di imporre limiti alla gestione dati del servizio di social media da parte della dirigenza del web.

L’ex presidente ha presentato un ricorso contro la suddetta ingiunzione: la società di TikTok è accusata di rappresentare un rischio per la sicurezza nazionale. L’insinuazione nasce dal fatto che, il suo proprietario, ByteDance, potrebbe in futuro essere costretto a consegnare i dati archiviati alla società cinese.

Sembra, però, che il timore non abbia fondamento. In effetti, l’azienda ha specificato che i dati degli utenti statunitensi vengono archiviati in Virginia e Singapore, fuori dalla giurisdizione del governo cinese.

POTREBBE INTERESSARTI –> Ps5 registra numeri da capogiro a Natale e prepara un Capodanno scoppiettante

Si prevede una saga ancora molto lunga. Fino a che nessuna delle due parti riuscirà a portare prove concrete a sostegno della loro posizione, potrebbero volerci addirittura degli anni prima che la battagli si concluda definitivamente.

Donald Trump
Donald Trump Foto di Pete Linforth da Pixabay

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here