Nasa prepara la missione Spherex: nel 2024 risolverà un grande dilemma?

0
278

Sta per prendere il via una nuova missione della Nasa, l’agenzia spaziale degli Stati Uniti. Si chiamerà Spherex, acronimo di Spectro-Photometer for the History of the Universe, Epoch of Reionization e Ices Explorer, una missione che durerà circa due anni di tipo astrofisico, il cui obiettivo sarà quello di esaminare il cielo nello spettro dell’infrarosso alla ricerca dell’origine dell’universo.

Nasa, pronta la missione Spherex (Foto Express)
La Nasa prepara la missione Spherex (Foto Express)

Il dilemma affligge l’uomo ormai dall’inizio dei tempi, e la Nasa proverà ancora una volta a trovare la risposta definitiva alla Domanda per eccellenza. La Nasa, con Spherex, punterà a raccogliere dati su più di 300 milioni di galassie e 100 milioni di stelle presenti nella Via Lattea, un’impresa titanica che costerà del resto svariati milioni di dollari. Per raggiungere l’obiettivo gli astronauti dell’agenzia spaziale a stelle e strisce utilizzeranno uno Spettrofotometro, che permetterà di trovare segni di acqua e di molecole organiche, che sono ovviamente essenziali nei processi di vita molto simili a quelli umani.

Nasa, missione Spherex (Foto ufficiale Nasa)
Nasa, nel 2024 la missione Spherex (Foto ufficiale Nasa)

NASA, AL VIA LA MISSIONE SPHEREX DAL COSTO DI QUASI 100 MILIONI DI DOLLARI

LEGGI ANCHE Il suono di Marte non sarà più un mistero, Nasa pronta a farcelo ascoltare

In particolare si studieranno quelle zone dove le stelle nascono da gas e polveri, i cosiddetti vivai stellari, ma anche all’interno dei dischi che si trovano attorno agli astri, e che secondo la teoria potrebbero aver dato vita alla nascita di nuovi pianeti. Come detto sopra, la missione Spherex della Nasa costerà parecchio ai contribuenti, ben 98.8 ,milioni di dollari, incluso il costo del lancio, e partirà il prossimo giugno 2024 a bordo di un razzo Falcon 9 di SpaceX dallo Space Launch Complex-4E di Vandenberg, in California.

LEGGI ANCHE Artemis I, la Nasa pianifica nuovo test per SLS a febbraio

A gestire l’operazione sarà invece il classico Kennedy Space Center situato in Florida, mentre a guidarla sarà l’Explorer’s Program presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. I finanziamenti, infine, giungeranno dalla Divisione Astrofisica della Direzione della Missione Scientifica della NASA con sede in quel di Washington. A questo punto, non ci resta che iniziare il conto alla rovescia…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here