Niente PS5 per i prossimi mesi, produzione a rilento: quando tornerà

0
1325

Brutta notizia per i fan che potrebbero attendere a lungo un nuovo arrivo della PS5 perché la produzione va a rilento: ecco quando potrebbe tornare disponibile

La PlayStation 5 è uno dei dispositivi più ricercati degli ultimi mesi e dopo un primo restock è tornata nuovamente indisponibile e lo sarà per quasi tutto il 2021. Questa brutta notizia è emersa da alcune fonti ufficiali che parlano di una produzione che procede a rilento. Un nuovo rifornimento sul mercato potrebbe addirittura avvenire nel prossimo dicembre, favorendo quelle che sono le dinamiche del reselling. Si tratta della rivendita a prezzo rialzato di un prodotto molto ricercato, la cui offerta è molto esigua, se non inesistente, rispetto alla domanda.

La console ha fatto registrare dei dati di vendita davvero eccellenti, andando esaurita in ogni negozio online e rivenditore fisico. Ciò è accaduto per due fattori in particolare: in primis i problemi logistici riguardanti l’epidemia da Covid-19 ed in seconda battuta la lentezza della produzione da parte della compagnia giapponese.

POTREBBE INTERESSARTI-> iPhone pieghevole? Sì, ma sarà uguale a Samsung Galaxy Z Flip

PS5, la situazione peggiorerà ancor più prima di migliorare

PS5
PS5

Secondo quanto riferito da Bloomberg, questi problemi potrebbero allungarsi fin oltre l’estate e per l’intero 2021. La carenza di semiconduttori, chiarita anche da AMD che ne produce per Sony e Microsoft, si sta ripercuotendo sulla catena produttiva. Un nuovo rifornimento, come già accennato, potrebbe avvenire a dicembre o addirittura nel 2022.

POTREBBE INTERESSARTI-> Offerta Amazon su Sony cuffie wireless Over-Ear ad un prezzo pazzesco

Nonostante all’apparenza l’industria del gaming se la stia passando bene, i problemi legati alla situazione hardware sono molti e pure importanti. “Si peggiorerà ulteriormente prima di tornare a migliorare nel 2021” fanno sapere nell’ambiente.

Sony, Microsoft e Nintendo, avrebbero difficoltà nella produzione da circa un anno. Nel corso di questo tempo hanno chiuso le catene produttive meno redditizie per concentrarsi sulle nuove, ma ora le aziende sono in difficoltà anche su quest’ultime.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here