ECommerce, nel 2021 i consumatori continuano a preferire il contrassegno

0
104

Una recente indagine della società Qapla’, attiva nel settore del tracking delle spedizioni, ha segnalato una significativa crescita degli acquisti effettuati sui portali di eCommerce con pagamento in contrassegno da parte dei consumatori italiani. Soprattutto in alcune regioni. 

Qapla infografica
Dati in aumento per i pagamenti in contrassegno in Italia nel 2021 (Fonte foto: ipresslive.it)

Nonostante, chi più chi meno, ognuno di noi sia possessore di una delle tante carte di credito ricaricabili disponibili sul mercato proprio allo scopo di acquistare online, sembrerebbe che il pagamento alla consegna in contanti, il cosiddetto contrassegno, sia ancora la forma più gettonata.

A rivelare le preferenze degli italiani in tema di modalità di acquisto sugli eCommerce una recente indagine di Qapla’, l’azienda fondata nel 2014 da Roberto Fumarola e Luca Cassia, che offre un sistema integrato di tracciamento, customer care e marketing automation. Mettendo in connessione le realtà attive nel settore del commercio elettronico con oltre 150 corrieri.

La ricerca mette in evidenza come il pagamento in contanti sarebbe ancora il metodo preferito, sebbene il periodo di emergenza sanitaria abbia portato i clienti a mutare le loro abitudini accelerando il processo di digitalizzazione con un maggior ricorso agli store online. 5,2 miliardi di transazioni avvenute nel solo 2020 che hanno fatto registrare un aumento dal 29% al 33% dei valore complessivo dei pagamenti.

In quali settori i consumatori continuano a preferire il contrassegno? E perché?

Qapla' infografica
I settori più coinvolti nei pagamenti in contrassegno secondo l’indagine Qapla’ (Fonte foto: ipresslive.it)

Secondo l’indagine, l’andamento sarebbe più evidente in alcuni settori ben distinti. Sia quello Fashion che il Jewelry avrebbero registrato delle crescite nelle spedizioni online del 50% nel solo 2020, con un incremento dei pagamenti in contrassegno di 7 punti per il primo (31,5% sul totale) e di 6 per il secondo (30%) nei primi due mesi dell’anno in corso.

A livello regionale i dati analizzati hanno messo in luce una crescita degli acquisti in alcune regioni in particolare: la Puglia con un aumento del 9% – seguita da Valle d’Aosta (+8%), Liguria e Campania – occupa la prima piazza nelle spese nel settore Fashion. Mentre a far registrare i numeri più alti in ambito Jewelry sarebbero Sardegna e Toscana, entrambe con un incremento di 5 punti in più.

Ma da cosa deriva il diffuso scetticismo che spinge i consumatori italiani che si rivolgono al mondo dell’ecommerce a preferire ancora il contrassegno come metodo di pagamento?

LEGGI ANCHE >>> Atari Jaguar, la redenzione: vale più adesso che prima

Secondo il CEO e coFounder di Qapla’ Roberto FUmarola , il più tradizionale contrassegno – che in alcuni paesi non è più utilizzato – ispirerebbe ancora più fiducia rispetto agli strumenti digitali per il timore di essere truffati.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Monete, certe lire valgono una fortuna? Occhi a certi euro

Proprio per questo – continua Fumarola – è prioritario per tutti gli eCommerce offrire metodi sicuri e affidabili affinché la finalizzazione dell’acquisto possa avvenire direttamente online.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here