L’Euro digitale si avvicina sempre di più, diremo addio ai contanti?

0
871

Argomento, finora, trattato in sordina. Adesso, il tema Euro digitale si fa sentire di più e potrebbe non volerci molto per l’ufficialità. 

Moneta digitale
Euro digitale Photo by Adobe Stock

Da quando è entrata in vigore la criptovaluta, le banche hanno tenuto gli occhi puntati sul suo sviluppo e sulla sua efficacia. I più lungimiranti avevano chiaro il fatto che, in realtà, sarebbe stata la moneta del futuro.

In effetti, stiamo andando proprio in quella direzione, anche nel nostro continente. Da un po’ di tempo, si fa riferimento al cosiddetto “Euro digitale”, che potrebbe essere la moneta del secolo.

Il sistema di moneta virtuale ha avuto un boom incredibile negli ultimi mesi. Questo è stato lo sprone per convincere la Banca Europea alla conversione.

Non sappiamo se questo significherà rinunciare definitivamente al contante, anche se potrebbe essere una soluzione interessante.

POTREBBE INTERESSARTI –> Google, ecco la funzione Guacamole: in cosa consiste? Più velocità…

Il passaggio all’Euro digitale

Digital Euro
Sistema Digital Euro Photo by Adobe Stock

La crescita del valore di Bitcoin, Ethereum, Dogecoin e la nuova moda degli NFT è diventato un argomento molto discusso tra investitori e azionisti. Partendo da questo meccanismo, sia Cina che Europa hanno iniziato a considerare la moneta digitale come alternativa ai sistemi attuali.

A tal proposito, la Banca Centrale Europea ha già redatto un rapporto sul “Digital Euro”: dunque, i programmi consistono proprio nell’adottare questa moneta in un futuro prossimo.

Si prevede un periodo di sperimentazione che potrebbe iniziare già a giugno di quest’anno. Bisognerà capire prima come funziona e quali sono i vantaggi.

Come funzionerà e quali potrebbero essere i vantaggi

Soldi in contanti
Banconota Foto di Markus Spiske da Pexels

L’Euro digitale e l’equivalente elettronico della moneta europea attuale. A quanto pare, sarà un formato parallelo e non sostitutivo, per il momento. Sarà accessibile a imprese e cittadini. Il termine ufficiale per definirlo è CBDC (Central Bank Digital Currency), ovvero, Valuta Digitale della Banca Centrale ed il suo valore sarà esattamente uguale alla moneta fisica.

La principale differenza tra il Digital Euro e le altre criptovalute sta nel fatto che questo non è decentralizzato e, quindi, perfettamente controllato dall’autorità della Banca Centrale. Questa centralizzazione fa sì che si mantenga il rapporto 1:1 con la moneta fisica, riducendo al minimo un’eventuale instabilità.

Quanto ai vantaggi, come sappiamo, le criptovalute non dipendendo da un potere accentrato, sono particolarmente gradite dagli investitori. Infatti, chi usa le monete digitali lo fa anche per proteggere la privacy ed evitare il tracciamento.

Ma l’aspetto più interessante riguarda la riduzione delle transazioni e dei processi, poiché i pagamenti digitali possono avvenire in tempi molto ridotti. Poi c’è la riduzione dei costi, poiché la criptovaluta non necessita di un intermediario come una banca privata.

POTREBBE INTERESSARTI –> Tim punta tutto sul 5G per tutti: arriva la nuova super tariffa

In più, si prevende un miglior impatto ecologico, essendo una moneta virtuale, un maggiore sostegno per il cittadino ed un possibile contenimento dei reati finanziari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here