Ti ha contattato il Ministero? Allora puoi scaricare il Green Pass grazie alla nostra facile guida

0
214

Al via da oggi il Green Pass per viaggiare in Europa senza restrizioni: ecco tutto quello che c’è da sapere.

Green Pass
Il Green Pass ci da oggi ci consente di tornare a viaggiare (by Adobestock)

Da oggi, primo luglio 2021, è diventato operativo il Green Pass europeo, il cosiddetto “certificato verde” pensato per agevolare gli spostamenti dei cittadini all’interno dei paesi dell’Unione e dell’area di Shengen mettendoli al riparo dai numerosi rischi di era-Covid. In Italia viene accordato esclusivamente dal Ministero della Salute, che attraverso un attestato digitale (o cartaceo, se stampato) mira a garantire che vengano soddisfatti determinati requisiti.

Il documento, gratuito, si pone come una vera e propria carta d’identità sanitaria e contiene un QR Code (o codice a barre) bidimensionale che una volta scannerizzato rivela una serie di informazioni utili, tra cui l’avvenuta vaccinazione contro il corona-Virus, l’esser risultati negativi al tampone rapido o a quello molecolare nelle ultime 48 ore oppure aver contratto la patologia ed esserne guariti.

Italia e Green Pass: ecco come comportarsi e la guida completa

Green Pass
Il Green Pass è gratuito, ma attenzione ad affidarsi ai canali ufficiali (by Adobestock)

Oltre che per viaggiare in Europa il Green Pass può esser richiesto anche per spostamenti più brevi (ad esempio in zone rosse o arancioni) oppure per partecipare ad eventi pubblici, entrare al cinema, andare a teatro o ancora per accedere a strutture assistenziali, starà poi alle singole Regioni o Province autonome allargarne il raggio di utilizzo. Il Regolamento europeo approvato il 9 giugno prevede inoltre che laddove e solo se necessario si possano richiedere ulteriori misure cautelative quali isolamento e quarantena, il tutto ovviamente a beneficio della salute pubblica.

A partire da oggi i certificati avranno valore per un anno, dunque la prossima scadenza è fissata al primo luglio 2022: nel frattempo la commissione europea si è premurata di istituire un “gateway” comune che assicuri l’esatta possibilità di verifica del green pass all’interno di tutti i paesi dell’unione. Sarà il Ministero ad informarci quando il pass è disponibile, tramite l’invio di un sms o di una email subito dopo il vaccino o l’avvenuta guarigione.

LEGGI ANCHE QUI>>> Firma digitale: come attivarla, quali sono i costi e che valore ha?

Il messaggio contiene un AUTHCODE (codice di autenticazione) che si può usare sui canali autorizzati, quali il sito governativo dcg.gov.it, l’app Immuni, l’app IO, l’identità digitale (Spid) oppure inserendo i dati della propria tessera sanitaria, sempre a patto che, giova una volta più ricordarlo, i requisiti necessari risultino in regola.

FORSE TI INTERESSA ANCHE–> Green Pass e QR Code: attenzione, non pubblicate la foto sui social

Da questo momento in poi la verifica sarà prerogativa degli operatori autorizzati, ai quali basterà semplicemente mostrare il QR-Code abbinato al massimo, se proprio richiesto, ad un ulteriore documento di identità (ad esempio in aeroporto): se, come speriamo, non ci saranno problemi, l’addetto al controllo vedrà scattare sul suo dispositivo un semaforo verde. Più facile di così…

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here