Primo edificio interamente stampato in 3D, un successo d’ingegneria senza pari

0
117

Il 3D Printing è sempre una tecnica applicata a materiali come polimeri, metalli o argilla. Ma l’utilizzo di una malta cementizia ha portato sicuramente dei benefici al sistema di stampa 3D, sviluppando un notevole potenziale nel settore edile. Et voilà ecco il rimo edificio interamente stampato in 3D, la prima costruzione a base di materiali naturali e realizzata con più stampanti 3D operanti in simultanea, un successo d’ingegneria senza pari. In Italia

Palazzo stampato in 3D, evento senza precedenti (Adobe Stock)
Palazzo stampato in 3D, evento senza precedenti (Adobe Stock)

Quella che a tutti gli effetti può essere considerata un’opera d’arte del nuovo millennio, è stata costruita a Massa Lombarda, la Màsa per dirla in romagnola. Un comune in provincia di Ravenna, famosa per le sue chiese; quella di San Paolo ereditò l’intitolazione della celebre Conversione, il Santuario della Beata Vergine della Consolazione, il Santuario del Trebeghino, la Torre dell’Orologio, Palazzo Bonvicini. E da febbraio scorso, da un modello di abitazione circolare che farà storia.

I numeri primi dello storico edificio romagnolo in 3D. E l’esempio del made in Italy esportato in Germania

La stampa in 3D applicata all'architettura (Adobe Stock)
La stampa in 3D applicata all’architettura (Adobe Stock)

TECLA è realizzata con materiali riutilizzabili, a zero emissioni e adattabile a qualsiasi clima, dalla progettazione digitale che dimostra come la tecnologia 3D sia in grado di realizzare edifici ottimizzando il processo costruttivo e minimizzando l’impiego di risorse umane ed energetiche.

LEGGI ANCHE >>> Computer HP meno di 50 euro per pochi giorni, secondo noi la follia è non comprarlo

Ben 200 ore di stampa, 7000 codici macchina (G-code), 350 strati di 12 mm, 150 km di estrusione, 60 metri cubi di materiali naturali; per un consumo medio minore di 6 kW. I suoi numeri. Primi. Un processo costruttivo con partnership di un certo peso: da Mapei che ha analizzato la terra cruda e i componenti base per perfezionare la miscela impiegata in fase di stampa a Milan Ingegneria, che ha condotto i test strutturali ottimizzando la geometria costruttiva verso la definizione di una struttura auto-portante, passando per Capoferri, Frassinago, RiceHouse, Lucifero’s, Primat Srl, Imola Legno e Cefla.

LEGGI ANCHE >>> Che fine ha fatto l’astronave di Steve Jobs ? Proviamo a fare chiarezza

La prima costruzione a base di materiali naturali e realizzata con più stampanti 3D operanti in simultanea può essere replicata grazie al Maker Economy Starter Kit di WASP, composto da molteplici stampanti 3D e da un sistema di prelievo, miscelazione e pompaggio dei materiali. La prima è in Italia in provincia di Ravenna. Anche se non l’unica nel suo genere.

Nel 2020, infatti, a Beckum, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania, è stato costruito un nuovo edificio residenziale stampato in 3D grazie al cemento, frutto di una ricerca made in Italy, condotta infatti da Italcementi. Una casa interamente stampata che rappresenta un esempio di innovazione per diverse realtà nel settore delle costruzioni. Ma, finalmente, ciò che gli italiani esportano, possono anche fare a casa propria, l’esempio della costruzione a base di materiali naturali e realizzata con più stampanti 3D nella Màsa, una conferma.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here