Lo strano caso dell’oculista che esegue controlli con iPhone 13 Pro Max, una burla o un ottimo alleato?

0
206

iPhone 13 Pro Max diventa un dispositivo medico. No, non è uno scherzo, ma un caso che vede coinvolto un oculista che starebbe sfruttando le nuove tecnologie del nuovo melafonino per eseguire controlli sui suoi pazienti. 

Lo strano caso dell'oculista
Diagnosi con iPhone 13 Pro Max

Con settembre sono arrivati i nuovi iPhone 13 di Apple. Una line-up che si rifà a quella dell’anno scorso per varietà e caratteristiche, ma con alcune interessanti aggiunte per convincere al salto anche gli utenti più scettici. Così tra iPhone 13 mini a 13 Pro, passando per 13 Pro Max e 13 liscio, il colosso di Cupertino ha stilato una gamma per venire incontro alle esigenze di tutti, ma proprio tutti.

Anche quelle degli oculisti. Sì, avete letto bene. Un oculista starebbe sfruttando le tecnologie introdotte con iPhone 13 per visitare i suoi pazienti. Nello specifico parliamo di una delle funzioni aggiuntive dela linea iPhone 13 Pro e Pro Max, vale a dire il sensore macro. Una feature che permette di scattare foto ad una distanza particolarmente ravvicinata – fino a pochissimi centimetri di distanza dall’oggetto/soggetto.

POTREBBE INTERESSARTI –> Svelate le specifiche delle misteriose batterie di iPhone 13

La macro di iPhone 13 Pro è alleata degli oculisti

Quali sono le principali differenze tra iPhone 13 e iPhone 12
Le fotocamere di iPhone 13 Pro

Una funzione che torna utile in numerosi contesti, da quelli artistici a quelli… medici! Di fatto una foto ravvicinata può dirci molte cose del nostro corpo, dallo stato della nostra cute, all’analisi di un neo e, perché no, quello dei nostri occhi. Ovviamente è un alleato che va considerato per una visita iniziale e superficiale. Per esami più approfonditi esistono strumenti ben più costosi e specifici – per fortuna.

L’obiettivo ultra-grandangolare con un’apertura f/1.8 ed un campo visivo di 120 gradi permette di catturare immagini macro ad una distanza di 2 centimetri. Cogliendo l’opportunità del sensore, l’oculista ha sfruttato la nuova lente per controllare un paziente che aveva subito da poco un trapianto di cornea e bisognoso di un controllo costante nel tempo.

POTREBBE INTERESSARTI –> Battlefield 2042, vuoi provarlo in beta dal 6 al 9 ottobre? Ecco come, ma occhio ai nuovi requisiti minimi

Trovata geniale o no? Di sicuro le opportunità offerte dalla nuova lente di iPhone 13 Pro e Pro Max non si limitano al solo uso artistico, ed oggi ne abbiamo la conferma. Da considerare inoltre la difficoltà nel reperire fotocamere specifiche per effettuare controlli, dovuta alla crisi dei componenti elettronici. Un mix che ha portato l’oculista a sfruttare la lente del suo nuovissimo device per effettuare controlli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here