Yocabé, ovvero una mappa dettagliata e online, dei negozi di tutto il mondo

0
199

Una startup italiana, Yocabè, ha stilato una specie di mappa dei siti di ecommerce di tutto il mondo, che contiene in realtà una analisi di quali funzionano meglio e dove.

Shopping online
Shopping online

Come riportato dal sito di Repubblica, la startup non è nuova in questo tipo di attività: la sua mission iniziale infatti è proprio quella di aiutare i grandi marchi a vendere meglio sui vari marketplace come Zalando, Amazon e simili.

Adesso invece ha deciso di “disegnare” una mappa reale di luoghi virtuali: a crearla i suoi fondatori, Vito Perrone e Lorenzo Ciglioni, che hanno avuto l’idea. Del resto, considerato che ormai la maggior parte degli acquisti viene effettuata online, non è sbagliato concentrarsi su questo tipo di ricerche.

La mappa dello shopping: ecco i posti dove si spende di più

Marketplace
Marketplace

Curioso e interessante il dato che emerge sull’Italia: ormai quasi l’80% acquista online, in particolare concentrandosi su abbigliamento e calzature nel 36% dei casi, stessa percentuale per i device elettronici per la casa, seguiti da libri e articoli per l’edilizia al 23%.

I siti più utilizzati sono ovviamente Amazon ed eBay, ma è interessante notare come sia aumentata la popolarità di Zalando, che è al terzo posto, in crescita del 60% rispetto allo scorso anno. Seguono in questa speciale classifica Aliexpress e Manomano. Anche in Francia, Spagna, Regno Unito e Germania la situazione è simile alla nostra.

In altri Paesi del mondo invece i siti più visitati per lo shopping sono altri: in Olanda ad esempio spopola un sito chiamato Bol.com, in Scandinavia arriva Blocket, che genera ogni mese oltre 26 milioni di visite e tiene testa ad Amazon, specialmente in Svezia.

 

Dalla Polonia arrivano dati positivi dalla piattaforma generalista Allegro, dal sito Olx e dal marketplace Emag. In Russia invece il marketplace più visitato è Wildberries, che ha oltre 183 milioni di visite mensili.

Uscendo dall’Europa, salta ovviamente all’occhio il mercato cinese dominato da Alibaba, fondato da Jack Ma, che ingloba anche nel suo network i markeplace Taobao, Tmall, e Kaola, quest’ultimo dedicato allo shopping di lusso.

LEGGI ANCHE >>> Nuovo rasoio elettrico Braun: farvi la barba sarà ancora più facile

In Giappone c’è Rakuten, una piattaforma che riunisce una serie di servizi tra cui anche lo streaming. Nel Sol Levante Amazon è invece utilizzato per l’acquisto, in generale, di merci e prodotti stranieri. In Corea del Sud invece il sito di ecommerce più popolare si chiama Coupang, che ha spedizioni addirittura più veloci di Amazon Prime.

LEGGI ANCHE >>> Amazon celebra il compleanno di Alexa e mette in offerta tutta la gamma prodotti: mai visti sconti così

In Medio Oriente, spopola Hepsiburada, che in Turchia genera oltre 107 milioni di visite mensili; a seguire ci sono AliExpress (50 milioni di visite mensili) e Gittigidiyor (oltre 45 milioni di visite/mese). Amazon è solo quarta, con quasi 30 milioni di visite al mese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here