Spitch e il riconoscimento vocale è sicuro; svolta nella biometria per l’identificazione

0
102

La biometria vocale è la soluzione migliore per quanto riguarda i processi d’identificazione, rispetto alla normale password o ad altri metodi. Per questo resta la procedura più sicura e apprezzata dagli utenti.

Onda vocale (Adobe Stock)
Onda vocale (Adobe Stock)

Spitch è un’azienda internazionale specializzata nella ricerca e implementazione di tecnologie vocali. Ha sviluppato una delle migliori soluzioni grazie all’applicazione dell’intelligenza artificiale e di machine learning alla voce umana. Tutto questo permette di avere un livello di sicurezza maggiore rispetto a ciò che possono offrire le tradizionali soluzioni di questo tipo, come per esempio l’utilizzo della password oppure la classica domanda di sicurezza.

La voce umana, infatti, ha un insieme di caratteristiche biometriche quasi impossibili da replicare ed è proprio questo che permetterebbe di ricevere una protezione maggiore sia per gli utenti che per le aziende stesse. Le soluzioni biometriche sono sempre più accurate, in più, questi sistemi vengono affiancati anche da un altro tipo di protezione: l’autenticazione a doppio fattore. Questo tipo di tecnologia, per l’appunto, deve sempre essere combinata con altri fattori di autenticazione, soprattutto per le operazioni più delicate come l’effettuare un pagamento. Le normative, in questi casi, tra l’altro prevedono delle misure precise per tutelare l’acquisizione dati.

LEGGI ANCHE: Google aggiorna Meet, ora le videochiamate saranno molto più affollate

Come funziona Spitch e la biometria vocale

Onda vocale (Adobe Stock)
Onda vocale (Adobe Stock)

Spitch opera, nella più totale trasparenza e sicurezza, attraverso un processo di analisi delle conversazioni vocali. Lavora soprattutto per i servizi di customer-care, per i circuiti di vigilanza privata e anche per le forze dell’ordine proprio perché permette di analizzare e classificare tutto quello che viene detto durante la conversazione. Ovviamente anche altri settori sono interessati a questo tipo di tecnologia, come le banche oppure gli assistenti di volo, fino ad arrivare al noleggio auto.

Un altro servizio che l’azienda offre è quello di avere un virtual-assistant con l’aiuto di un’intelligenza artificiale dotata di una voce artificiale permettendole di operare come fosse un interlocutore umano. Il terzo servizio che offre è la biometria vocale, di cui abbiamo già parlato prima, che permette di avere una procedura di autenticazione più sicura. Per questo ultimo punto vi spieghiamo in breve come funziona.

LEGGI ANCHE: Samsung: spuntano i render dei nuovi Galaxy A73 e A13, sono una bomba!

Inizialmente bisognerà registrare la propria voce tramite la piattaforma di Spitch. A questo punto la macchina agirà acquisendo una quantità dati minima sufficiente per procedere al tracciamento dell’impronta vocale, il gioco è fatto. L’utilizzo della biometria vocale per l’identificazione e la verifica viene quindi considerata la più sicura tra tutte, in più, come abbiamo potuto notare, è anche molto semplice da applicare e utilizzare. Queste caratteristiche lo rendono non soltanto un metodo sicuro e semplice ma anche gradevole per i clienti che lo utilizzano. Inoltre, risulta essere economicamente interessante. Una vera e propria svolta per la sicurezza dei clienti e per le aziende.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here