Bill Gates torna a parlarci della pandemia: ecco le sue previsioni con la variante Omicron

0
447

Con una serie di tweet con la ricercatrice dell’Università di Edinburgo Devi Sridhar, il patron di Microsoft espone le sue opinioni sui vaccini, sul coronavirus, sulle sue origini e sui possibili sviluppi, alla luce delle caratteristiche della variante Omicron.

Bill Gates Covid
Bill Gates è da anni impegnato nel discorso pubblico sulla salute e nei finanziamenti a media ed organizzazioni con scopi sanitari – ComputerMagazine.it

Una serie di tweet in risposta alla professoressa Devi Sridhar dell’Università di Edinburgo sono stati l’occasione, per il magnate americano Bill Gates, per esporre la propria visione a tutto campo sul Covid, sulle sue prospettive future, sui vaccini e sulle dibattute origini del virus SARS-Cov-2.

Gates, pur non essendo un ricercatore nè uno scienziato, è molto impegnato nel dibattito scientifico, in quanto proprietario della Fondazione Bill & Melissa Gates coi suoi progetti sanitari nel mondo, come principale finanziatore privato dell’OMS e con finanziamenti ai media che si interessano di tematiche di salute.

Leggi anche: Covid: Google ammonisce i suoi dipendenti “vaccinatevi o perderete il posto”

La tesi sostenuta da Gates sull’origine del virus è quella del salto di specie, ovvero il passaggio di un virus una popolazione ospite di una specie differente, come accade per due terzi dei virus umani (che sono infatti zoonotici, ovvero provenienti da animali). Gli animali sospettati di aver trasmesso il virus all’uomo sono stati diversi in questi due anni. Dal pangolino al topo comune.

Altra tesi sostenuta da Gates è la necessità di vaccini più efficaci, che possano garantire un’efficacia più duratura, a differenza di quelli attuali la cui durata si è dimostrata essere di pochi mesi; inoltre ai nuovi vaccini servirebbero altre caratteristiche cruciali, come quella di impedire ai vaccinati di essere contagiosi.

 

La risposta alle accuse e le previsioni su Omicron

Coronavirus
Secondo Bill Gates, nonostante Omicron rappresenti la fine della pandemia, sarà necessario continuare con le vaccinazioni per alcuni anni – ComputerMagazine.it

I tweet dell’imprenditore ed investitore americano sono stati anche l’occasione per rispondere ad accuse, mosse da tempo nei suoi confronti, di aver in qualche maniera contribuito alla diffusione del virus e ad una gestione volutamente sbagliata dell’epidemia, per i propri interessi economici e di potere.

Tali teorie nascono già dal 2019, quando a New York si tenne un evento della John Hopkins University, finanziato dalla Bill & Melissa Gates Foundation, in cui si parlava di un’ipotetica futura pandemia di polmonite da Coronavirus, con una simulazione degli effetti e delle reazioni della popolazione e dei governi.

Gates ha affermato di non aspettarsi accuse di questo tipo, affermando che sono causate dalla disinformazione e si è chiesto retoricamente perchè dovrebbe fare una cosa del genere. Nello stesso post cita Fauci, anch’esso accusato di aver avuto interessi personali in questa pandemia.

Leggi anche: Microsoft non ci sta e presenta il suo foldable: uno smartphone tri-schermo pazzesco

Nell’occasione ha anche affrontato il tema dell’informazione; stando alle sue parole, l’OMS ed i centri per il controllo delle malattie e la prevenzione (CDC) dovrebbero ottenere più fondi e finanziamenti, per poter avere una migliore sorveglianza delle emergenze e per poter comunicare meglio.

Infine ha affermato che la variante Omicron sia l’inizio della fine dell’emergenza, con un virus più diffuso ma più attenuato, che dovrà essere trattato come un’influenza stagionale; questo però senza far venir meno la necessità delle vaccinazioni, che secondo il filantropo dovranno tenersi annualmente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here