Una AI come macchina del tempo: ecco i colori per foto e video di inizio 1900

0
400

Il blog “Glamour Daze”, che si definisce un “archivio di moda vintage e di bellezza”, ha pubblicato video di inizio Novecento che, restaurati attraverso tecniche basate sull’intelligenza artificiale, si sono trasformati in testimonianze in 4K della moda e dello stile di quegli anni, dalla resa davvero strabiliante.

Glamour Daze AI ComputerMagazine.it 17 Febbraio 2022
I video del passato viaggiano nel tempo su Glamour Daze grazie all’intelligenza artificiale – ComputerMagazine.it

Il blog di moda Glamour Daze ha dato un tocco di ultra-definizione al passato. E, tutto a un tratto, ecco che l’antico assume le sembianze del moderno: aumentando i fotogrammi da 16 e 24 al secondo fino a 60, portando la risoluzione fino a 4K ed aggiungendo il colore tramite la tecnica del “Deep Exemplar-Based Video Colorization”, basata sull’intelligenza artificiale, le testimonianze video della moda di inizio Novecento hanno acquisito una patina di contemporaneità tutta nuova e davvero stupefacente.

E se a tutto ciò togliamo anche il caratteristico “ronzio” della trasmissione della pellicola ed aggiungiamo una rifinitura dell’audio attraverso sonorizzazioni e Foley Art, il risultato è un vero e proprio viaggio nel tempo.

Non nostro bensì dei video, che attraversano più di un secolo di perfezionamenti tecnologici nella sfera degli audio-visivi per avvicinarsi alla nostra modernità  e mostrarci lo stile di un’epoca intramontabile in tutto il suo charme e splendore, come mai era stato possibile prima d’ora.

Non solo video: anche gli scatti di Muybridge prendono vita attraverso l’AI

Glamour Daze AI Video ComputerMagazine.it 17 Febbraio 2022
Anche scatti fotografici si animano di nuova vita su Glamour Daze attraverso l’AI – ComputerMagazine.it

Oltre al restauro della documentazione video del “New York Flappers” del 1927, del “Shanghai Fashion Show” del 1929, di una passeggiata nella Berlino o Parigi degli anni ’20, Glamour Daze ha trasformato in video alcuni scatti del maestro della fotografia di movimento Eadweard Muybridge, utilizzando la stessa tecnica di ridefinizione.

In questo caso, l’anno è il 1884, il soggetto una coppia di ballerini di waltzer e, unendo gli scatti di Muybridge, Glamour Daze ha poi riempito i frame mancanti per consentire continuità e fluidità di movimento, riuscendo a dare nuova vita alla sessione fotografica.

I risultati lasciano davvero a bocca aperta. E chissà, d’ora in poi, quanti altri archivi del passato cominceranno a viaggiare nel tempo tramite l’intelligenza artificiale, senza perder nulla del loro fascino ed al contempo svelandoci nuovi e sempre più nitidi dettagli e peculiarità della loro essenza. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here