BeReal prende forma: un solo selfie al giorno senza filtri e inganni, ecco come funziona il “social della verità”

0
1061

Un social network che definiremmo… “controcorrente”. Si chiama BeReal e il nome dice praticamente tutto. Un luogo dove essere se stessi, senza filtri, foto-ritocchi e tutto ciò che in questi anni abbiamo ormai assimilato e dove la parola d’ordine è essere “real”. 

BeReal, il social dei contenuti "veri" - 110422 www.computermagazine.it
BeReal, il social dei contenuti “veri” – 110422 www.computermagazine.it

BeReal è il nuovo social network che sta spopolando tra i giovani americani e dove l’unico scopo è quello di essere “reali“. Fa strano dirlo, ma un concept del genere è figlio di anni in cui abbiamo imparato a camuffare i nostri difetti e i nostri problemi sui social. Da Facebook ad Instagram, chiunque appare perfetto e senza problemi. Ebbene, lo scopo di BeReal va nella direzione opposta; il tempo per postare i nostri contenuti è limitato a soli due minuti, con la possibilità di condividere un singolo contenuto quotidiano.

Come funziona il social dei contenuti “reali”

BeReal, il social dei contenuti "veri" - 110422 www.computermagazine.it
BeReal, il social dei contenuti “veri” – 110422 www.computermagazine.it

Capite bene che, così facendo, viene meno la possibilità di pensare, migliorare e rattoppare i propri contenuti online, mostrando solo ed esclusivamente ciò che di vero c’è nella nostra vita. Tecnicamente l’app da la possibilità di scattare un selfie una sola volta al giorno, il tutto entro 120 secondi. Solo una volta che avremo pubblicato il nostro contenuto potremo vedere cosa stanno combinando i nostri amici virtuali. Il meccanismo è stato studiato ad hoc per far trasparire precisamente come si è, senza il minimo filtro fotografico o altro.

Il tutto viene complicato dal fatto che è l’app stessa a dirci quando postare. In un orario random, diverso ogni giorno, viene inviata agli utenti una notifica e, da quel momento, parte il conto alla rovescia entro il quale bisognerà postare una foto. Due minuti per scattarsi un selfie, o fare una foto a qualsivoglia elemento o persona che, in quel momento, è parte della nostra vita.

Niente filtri e nessuna possibilità di caricare foto pre-esistenti nella nostra galleria dello smartphone. Dopo aver postato il nostro contenuto si avrà la possibilità di visionare ciò che gli altri utenti hanno postato a loro volta. Anche la posizione da cui viene scattata la foto è in chiaro: è impossibile mentire sul luogo in cui si è, dando così un ulteriore strato di verità ai contenuti che vengono condivisi. Un social rivoluzionario che incontra il favore di chi non ne può più di vedere ogni giorno post, foto e video “fittizi” che ormai, diciamolo, hanno conquistato i feed dei social network.