È guerra tra Apple e Google per il dominio sul web e la violazione della privacy

0
642

Da tempo, Apple sta monitorando il comportamento di Google sulla privacy nel web. È per questo che ha rafforzato i sistemi di protezione.

Apple Vs Google
Apple Vs Google

Come sempre, Google prova ad insinuarsi ovunque per accrescere la propria egemonia. Non a caso, infatti, oramai molti dispositivi sono collegati tramite le app di Mountain View che, in qualunque modo, riesce a registrare dati, cronologia e tante informazioni dei propri utenti.

Naturalmente, ciò avviene solo se si presta il consenso e, tutto sommato, spesso risulta molto comodo. Se consideriamo le volte in cui dobbiamo connetterci tramite un altro apparecchio o dobbiamo cambiare smartphone, l’archiviazione Google torna utile.

In quei casi, il lavoro è molto ridotto, visto che ci pensa Google a fare tutto. È chiaro, però, che questo atteggiamento risulti fastidioso per altre aziende. È questo il caso di Apple.

POTREBBE INTERESSARTI –> Le migliori frasi d’auguri di Natale da scambiarsi su Whatsapp e non solo

La battaglia tra Apple e Google sulla privacy

Apple logo
Apple logo Photo by Kartikey Das from Pexels

Come analizzato e raccontato da Business Insider, gli standard web vengono concordati dal World Wide Web Consortium (W3C). In queste riunioni, ogni azienda ha diritto di voto, ma quello di Google ha una rilevanza particolare.

A quanto pare, ciò accade, probabilmente, perché il colosso di Mountain View dedica più tempo e risorse alla riflessione e alla discussione, e questo gli da maggiore voce in capitolo.

Per esempio, per quanto riguarda l’utilizzo di API Web Bluetooth. Le API e sono capaci di controllare dispositivi Bluetooth locali, un lavoro utile, ma creano notevoli problemi sulla privacy. Per questo, Tim Cook non ci sta.

Chrome ed Edge hanno già implementato questa funzione, mentre Apple si rifiutata di integrarla in Safari. Dal canto suo, Google avrebbe potuto calcare la mano sulla questione delle API, ma l’opposizione dell’azienda di Cupertino gli ha messo i bastoni tra le ruote.

POTREBBE INTERESSARTI –> Telegram cambia: dal 2021 utenti premium a pagamento e pubblicità

Non solo Apple, anche altre aziende hanno mostrato preoccupazione per la forte influenza di Google durante il W3C.

Google web
Google web Photo by Pexels

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here