Cashback: transazioni mancanti, ma l’app conferma nessuna spesa persa

0
630

Cashback: transazioni mancanti? Nessun problema, l’app IO fa sapere che nessuna spesa andrà persa. Ecco cosa sta succedendo all’app per il cashback di Stato.

Cashback: transazioni mancanti
App IO

Sono alcuni giorni che numerosi utenti lamentano un ritardo nell’accredito delle operazioni derivanti da PagoBANCOMAT. L’app IO, preposta per la raccolta del Cashback di Stato, continua a non visualizzare le operazioni recenti. Un ritardo ben oltre i tre giorni necessari necessari a cui ci siamo ormai abituati. Anche noi della redazione di CMag abbiamo riscontrato il problema, ma non c’è nulla da temere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Cashback, faccio i conti con te: i vantaggi per le famiglie

Con il nuovo aggiornamento dell’applicazione sia su Android che su iOS, arriva un messaggio volto a tranquillizzare gli utenti. Nessuna operazione andrà persa nell’etere, fa sapere IO. Entro mercoledì 20 gennaio, dunque domani, verranno conteggiate le operazioni mancante effettuate negli ultimi giorni.

Cashback: transazioni mancanti
Il messaggio apparso sull’app IO

Attualmente non sappiamo quale potrebbe essere il problema relativo a tale ritardo. Si tratta di una anomalia che viene confermata non solo dagli utenti, ma anche dall’applicazione stessa con il messaggio apparso nelle ultime ore. Continua così la corsa al Cashback di Stato che, ricordiamo, può arrivare fino a 150 euro.

Nel semestre gennaio-giugno 2021 sarà necessario effettuare almeno 50 operazioni utilizzando il circuito di pagamento PagoBANCOMAT – e le carte ad esso connesse – per vedere accreditati sul proprio conto corrente i soldi. AD incentivare ancor più l’utilizzo dei pagamenti elettronici il Super Cashback. 1.500 euro extra che verranno inviati ai 100.000 cittadini con il maggior numero di movimenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Cashback di stato e novità: bollo, benzina, assicurazione… tutto scontato del 10%

In parallelo, la questione relativa ai mancati o inesatti accrediti prosegue, con Adiconsum e Consap scese in campo per arginare il problema. Entro febbraio sarà infatti reso disponibile il modulo per i reclami degli utenti, da compilare ed inviare se vittime di problemi tecnici simili.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here