SpaceX Starship SN11, un Tweet di Musk conferma il rinvio del lancio ai prossimi giorni

0
56

Previsto per il 29 marzo, l’atteso volo di SpaceX Starship SN11 è stato rimandato ai prossimi giorni. Ad aver causato il rinvio, la mancata presenza dell’ispettore della Federal Aviation Administration che non sarebbe riuscito ad arrivare in tempo a Boca Chica.

 

SpaceX, la compagnia spaziale di Elon Musk (Adobe Stock)
SpaceX, la compagnia spaziale di Elon Musk (Adobe Stock)

Il volo di Starship SN11, fissato per oggi, è stato rinviato. L’attesa durava dal 26 marzo, quando i primi test di accensione ne davano ormai per imminente il lancio, poi programmato per il 29 del mese.

A comunicarlo un Tweet di Elon Musk che ha freddato gli entusiasmi, allungando ulteriormente i tempi di attesa per l’erede di SN10.

Nel post sul social il CEO di SpaceX ha comunicato che il test di volo è stato rinviato a una data non ben precisata nei prossimi giorni a causa dell’impossibilità, da parte dell’ispettore FAA (Federal Aviation Administration) a recarsi sul luogo di lancio in tempi utili

Starship SN11, un rinvio che non ferma i piani di SpaceX

Lancio SpaceX (SpaceX)
Lancio SpaceX (SpaceX)

Dopo il parziale fallimento della missione di Starship SN10, esplosa poco dopo il contatto con la piattaforma di atterraggio a causa dell’elevata velocità di discesa, SpaceX continua a collocare i suoi piccoli tasselli per arrivare agli ambiziosi piani di viaggiare nello spazio con i suoi razzi riutilizzabili.

SN11 rappresenterà un passo avanti rispetto ai tre precedenti test. Se SN8 e SN9 avevano fornito dati importanti nella fase di volo, SN10 aveva dato dettagli fondamentali sugli errori commessi nelle dinamiche di atterraggio. SN11 dovrebbe così rappresentare una perfetta sintesi risolutiva delle problematiche verificatesi nei primi tre test.

L’obiettivo del Medium Altitude Test Flight di Starship SN11 è quello di raggiungere quota 10 mila metri e poi effettuare attraverso le necessarie manovre di stabilizzazione e raddrizzamento la caduta controllata nell’area di atterraggio.

LEGGI ANCHE >>> Cuoci il pollo prendendolo a schiaffoni: uno youtuber ci è riuscito

Il prototipo di SN11 era già pronto lo scorso 8 marzo, trasportato e collocato nella zona di lancio di Boca Chica in Texas. Le prime brevi verifiche di accensione dei motori raptor erano partite il 15 marzo per poi ripetersi successivamente dopo 7 giorni, il 22.

Ma sono i test di accensione statica del 26 marzo terminati positivamente che accendono le speranze per un imminente lancio, programmato per ieri e poi di nuovo rimandato per cause “esterne”.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Uno spettacolo di luci illumina i cieli americani: sono i resti di SpaceX Falcon 9?

Per il futuro del progetto di Starship, dopo il lancio di SN11, SpaceX potrebbe passare direttamente a lavorare sulla missione SN15, al momento ancora in fase di assemblaggio negli hangar, ma non è ancora chiaro con quali obiettivi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here