Apple: iOS 14.5 punta tutto sulla privacy, ecco come attivare la funzione anti-tracciamento

0
225

Apple: iOS 14.5 punta tutto sulla privacy. L’ultimo update del sistema operativo per iPhone è stato rilasciato nella giornata di ieri e porta con sé la funzione di anti-tracciamento. 

Apple: iOS 14.5 punta tutto sulla privacy
La nuova funzione anti-tracciamento in iOS 14.5

Era stata largamente anticipata ed infine eccola: la funzione di anti-tracciamento è qui. Introdotta con iOS 14.5 questa funzione, se attiva, obbligherà le app o i siti web ad ottenere dall’utente l’autorizzazione per il tracciamento. Un ulteriore punto a favore della questione privacy messo dalla Mela, da sempre attenta agli aspetti che girano intorno al trattamento dei dati.

POTREBBE INTERESSARTI –> Meglio non usare gli Apple AirTag con bambini e animali

Apple e la tutela della privacy: una storia d’amore

Per aiutare gli utenti a comprendere la nuova funzione App Tracking Transaparency, Apple ha condiviso sul suo canale YouTube un video in cui spiega come attivarla e quali sono i suoi vantaggi. Grazie a questa attesa feature gli sviluppatori non potranno tracciare gli utenti e profilarli a fini pubblicitari. Viene quindi messa la parola fine al tracciamento non autorizzato, almeno su iOS.

Tra le app che potremo decidere di non condividere con app e siti web: la localizzazione, la nostra età, informazioni sanitarie, abitudini di spesa e cronologia di navigazione. Non tutto il male vien per nuocere, come specificato dalla Mela. Alcuni dati possono essere legittimamente raccolti, come la localizzazione quando ci troviamo in prossimità di negozi che, così facendo, possono offrirci uno sconto. Ma, sempre Apple, fa sapere che nella maggioranza dei casi vengono raccolti e processati molti più dati di quelli necessari.

POTREBBE INTERESSARTI –> Siri Remote, che delusione! Il nuovo telecomando di Apple TV non è come ce l’aspettavamo

Alcune app raccolgono migliaia di tipi di informazioni su di voi per creare un profilo digitale“. L’obbiettivo delle app nonché dei siti web che raccolgono queste informazioni è… rivenderle per scopi pubblicitari e di targetizzazione degli annunci. Un mondo nel quale le informazioni valgono più della mera vendita di un prodotto, fa sapere Apple. “Siete voi il prodotto“; insomma un passo deciso a contrasto di questa pratica da sempre non condivisa dalla Mela.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here