YouTube dice no ad alcol, politica e gioco d’azzardo

0
253

YouTube dice no ad una serie di nuovi argomenti che, da oggi, vengono bannati dalla piattaforma video di Google. Non compariranno più annunci e spot pubblicitari relativi ad alcol, politica e gioco d’azzardo. 

YouTube dice no ad alcol
YouTube (Pixabay)

Se siete assidui frequentatori di YouTube saprete che il social dei video basa la sua economia sulle entrate generate dalle pubblicità. Motivo per il quale i video, nonché le varie sezioni della piattaforma, pullulano di spot, lunghi o brevi che siano. Su tutti quello presente nella homepage di YouTube, che chiameremo “lo spot principale”. Uno dei più importanti poiché ogni utente – Adblockers a parte – lo vede apparire non appena apre il sito.

POTREBBE INTERESSARTI –> Youtube e i nuovi termini di servizio: ecco cosa cambia

YouTube cambia ancora e diventa più “pulita”

Ed è proprio intorno allo spot principale che gira intorno la news di oggi. YouTube ha infatti deciso di limitare, o meglio, oscurare del tutto gli spot relativi ad alcuni argomenti delicati, ritenuti dalla piattaforma inadeguati per il pubblico che la frequenta. Tra questi gli spot pubblicitari relativi ad alcol, gioco d’azzardo, politica e medicinali sotto prescrizione.

Uno spazio pubblicitario alla mercé di qualunque argomento. Quattro temi che YouTube ha così deciso di oscurare dalle sue pagine. Il social stesso è consapevole dell’enorme impatto che il box principale porta con sé. Per dirla in termini fumettistici “da grandi poteri derivano grandi responsabilità” e quindi via gli spot su politica, azzardo, alcol e medicinali.

YouTube dice no ad alcol
La nuova informativa relativa alle limitazioni

POTREBBE INTERESSARTI –> YouTube mette sul piatto 100 milioni di dollari per battere TikTok

Si tratta dell’ultima limitazione di una lunga serie che ha visto protagonista il social dei video. Da qualche anno è stata introdotta la possibilità per gli utenti di limitare alcune tematiche qualora a fruire della piattaforma siano minori o persone sensibili. Una imposizione che spesso e volentieri è stata al centro delle polemiche per via delle limitazioni spesso ingiustificate a video di informazione.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here