DVB-T2 e tecnologia 5G: come lavoreranno assieme per darci un intrattenimento al meglio?

0
605

Cosa c’entrano il DVB-T2, il nuovo standard del digitale terrestre, e il 5G? In questi giorni molti ne stanno parlando, del resto, si tratta di due tecnologie che stanno sempre più entrando nella nostra quotidianità.

DVB-T2 e 5G: il connubio vincente (Foto IlFattoQuotidiano)
DVB-T2 e 5G: il connubio vincente (Foto IlFattoQuotidiano)

Il 5G è l’ultimo standard di velocità in quanto a connessione mobile, permette di navigare a velocità mai viste prima, e ogni smartphone top di gamma prodotto fra la fine del 2020 e il 2021, permette appunto di ottenere questa “feauture”. Il DVBT-2, invece, come detto sopra sarà il nuovo punto di riferimento per quanto riguarda la qualità delle immagini dei nostri televisori: in questi mesi è iniziata la transizione che si concluderà fra meno di un anno, precisamente al 30 giugno del 2022. Al di là di questa doverosa promessa, torniamo alla domanda iniziale: cosa c’entrano i due termini assieme?

DVB-T2 e 5G: che tandem! (Foto Key4biz)
DVB-T2 e 5G: che tandem! I dettagli (Foto Key4biz)

5G E DVB-T2 UN CONNUBBIO VINCENTE: ECCO PERCHE’ QUESTO TANDEM E’ IMPORTANTE

POTREBBE INTERESSARTIConfcommercio e DVB-T2 è diatriba, ma cosa sta accadendo?

La prima cosa da sapere è che il nuovo standard del digitale terrestre libererà con lo switch alle nuove frequenze, la banda 700 appunto al 5G, e in tal modo, quest’ultima tecnologia sarà in grado di fornire le migliori prestazioni possibili a tutti gli utenti che navigheranno in rete. L’arrivo del nuovo standard di trasmissione del segnale delle televisioni, del resto, è pensato proprio per consentire al 5G di sfruttare meglio la banda dei 700 Mhz, e grazie a questo escamotage, la connessione potrà raggiungere meglio i vari dispositivi che si connetteranno nell’immenso mondo della rete. Inoltre, l’accesso ai 700 Mhz, permette di superare qualsiasi tipo di ostacolo e problematica di connessione che possa subentrare in futuro, una sorta di “autostrada” senza intoppi con tutto ciò che ne consegue in termine di fruizione del servizio da parte dell’utente finale.

POTREBBE INTERESSARTIDigitale Terrestre, i decoder già compatibili con il DVB-T2

La cosa certa è che il 5G rappresenta il futuro e i campi di applicazione sono pressochè infiniti, come ad esempio controllare la propria auto dal remoto, come si sta già tentando di fare all’estero; ecco perchè la banda libera tornerà utile, rappresentando un ottimo compromesso fra velocità del segnale e ricezione dello stesso. Tornando allo “spegnimento” del digitale terrestre e al passaggio al DVBT-2, ricordiamo che è attivo il bonus tv da 100 euro per cambiare il vostro televisore. La prima cosa da fare è capire se sia compatibile o meno con il nuovo segnale e in quel caso vi basterà effettuare il test al canale 100 o 200 del vostro apparecchio. Nel caso in cui avesse esito negativo potreste decidere di cambiare tv, ma per sfruttare il bonus dovrete soddisfare tre requisiti: essere residenti in Italia, essere in regola con il pagamento del canone Rai, e rottamare il vostro vecchio tv (basta che sia stato acquistato prima del dicembre 2018).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here