Shock nella scienza: scoperta la cometa più grande di sempre, lascia a bocca aperta

0
411

Un vero e proprio shock nella scienza, dopo che è stata scoperta quella che è stata già ribattezza la più grande cometa di tutti i tempi. Una scoperta sensazionale che lascia a bocca aperta non soltanto i profani ma anche gli addetti ai lavori.

La più grande cometa di sempre (Foto ToscanaCalcio)
La più grande cometa di sempre è stata scoperta (Foto ToscanaCalcio)

La mega cometa, come scrive Esquire.com, è stata ribattezza Bernardinelli-Bernstein, si tratta di un corpo celeste la cui dimensione non è ancora stata stimata con precisione, ma che potrebbe essere ben mille volte più grande rispetto ad una cometa di normale, e di conseguenza, sarebbe “l’oggetto” della sua specie più grande mai visto. A catturare le nuove immagini di questo straordinario astro è stato l’Osservatorio di Las Cumbres, situato in California, negli Stati Uniti, e foto che hanno regalato delle forte emozioni ai ricercato, che del resto vivono per questi tipi di scoperte.

SCOPERTA LA PIU’ GRANDE COMETA DI TUTTI I TEMPI: IL GRANDE ANNUNCIO

POTREBBE INTERESSARTIScienziati attoniti: una cometa di dimensioni mai viste punta dritta verso il sole

Un membro del team di Michele Bannister ha spiegato a riguardo: “Le altre persone stavano dormendo. La prima immagine mostrava la cometa oscurata da una striscia di satellite e il mio cuore è affondato. Ma poi le altre erano abbastanza chiare, e perbacco: eccolo lì, decisamente un bel puntino nitido, per niente sfocato come le sue stelle vicine”. In base alle stime effettuate è stato calcolato che la cometa abbia un nucleo del diametro superiore ai 100 chilometri, di conseguenza sarebbe tre volte più grande rispetto alla Hale-Bopp, la famosa cometa che nel 1998 passò molto vicino al nostro pianeta. Purtroppo la Bernardinelli-Bernstein non seguirà le orme della sua predecessora e non passerà rasente alla Terra, visto che quando sarà nel massimo punto di vicinanza rispetto agli umani, accadrà nel 2031, ben oltre Saturno.

POTREBBE INTERESSARTIUn nuovo corpo celeste nel nostro sistema solare: ecco da dove proviene

“Ora ci sono un gran numero di progetti – ha aggiunto Tim Lister, altro ricercatore – come ad esempio lo Zwicky Transient Facility e l’imminente Vera C. Rubin Observatory, che monitorano parti del cielo ogni notte”. Quindi lo stesso ha proseguito: “Questi sondaggi possono fornire avvisi se una delle comete cambia improvvisamente luminosità. Quindi possiamo attivare i telescopi robotici di Las Cumbres per ottenere dati più dettagliati e uno sguardo più lungo alla cometa che cambia mentre il rilevamento si sposta su altre aree del cielo”. La scoperta è stata annunciata lo scorso 19 giugno ma la notizia è divenuta virale in queste ore, e nel frattempo, sono state postate numerose foto della cometa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here