ExoMars si presenta il migliore tra i rover secondo i test di Torino: tra poco sarà pronto per il collaudo su Marte

0
233

Riuscito il primo test di perforazione profonda per la missione ExoMars 2022 grazie alla trivella made in Italia realizzata da Leonardo.

ExoMars
ExoMars

Si tratta del rover che esplorerà il Pianeta Rosso a caccia di segni di vita per la missione che prenderà il via il prossimo anno e promossa dall’Esa, l’Agenzia Spaziale Europea e quella russa, la Roscomos. I test sono stati effettuati nel simulatore di suolo marziano in ALTEC, a Torino, dove il gemello del rover Rosalind Franklin è riuscito a perforare fino a 1,7 metri di profondità estraendo campioni, superando qualsiasi altro primato precedente dei rover marziani già spediti nello spazio.

Questo è un successo anche italiano, visto che la trivella è stata realizzata a Nerviano, dalla Leonardo, grazie anche al supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana, l’ASI. Va infatti sottolineato come la massima profondità raggiunta fino ad oggi su Marte, come perforazione, è di soli 7 centimetri. Secondo David Parker, Direttore dell’Esplorazione Umana e Robotica dell’Esa, questo successo ottenuto nei test promette bene per la futura esplorazione del quarto pianeta del Sistema Solare.

ExoMars, un rover trivellatore spaziale che ci farà scoprire i segreti della vita su Marte.

ExoMars
ExoMars

LEGGI ANCHE: Stazione Spaziale Commerciale è realtà, presentata da Axiom Space con piani dettagliati e stima in orbita nel 2027

Il rover infatti è stato progettato per una perforazione profonda e dovrebbe essere capace di arrivare fino a 2 metri, una misura sufficiente per garantire l’accesso a materiali organici che si conservano da oltre quattro miliardi di anni e che non sono stati danneggiati da eventuali radiazioni. Va infatti ricordato che Marte ha un’atmosfera non paragonabile a quella terrestre, quindi non capace di proteggere il pianeta. In questo caso la scoperta consentirebbe di scoprire come erano le condizioni sulla superficie, forse più simili a quelle della Terra ai suoi albori.

Il rover, durante la sperimentazione, è riuscito a prelevare un campione attraversando un blocco di argilla di media durezza. Il test è stato effettuato su una piattaforma dedicata, inclinata di 7 gradi così da simulare la raccolta di un campione in una posizione simile a quella che sarà su Marte. Inoltre la trivella ha prelevato un campione sotto forma di pellet di circa un centimetro di diametro e di due centimetri di lunghezza.

LEGGI ANCHE: Questo adattatore fa miracoli: permette ad un sistema Android di connettersi con qualsiasi dispositivo senza problemi

Quando viene effettuato il prelievo, questo campione viene portato poi in superficie e immesso in un laboratorio interno per studiare la composizione chimica e i possibili segni di vita presenti su un terreno non soggetto a radiazioni ionizzanti dannose.

Il rover di test a terra ha già superato successo una serie di test di spostamento e identificazione degli obiettivi, iniziati a giugno. In parallelo, il rover Rosalind Franklin originale è in preparazione per il suo volo verso Marte, previsto tra quasi un anno: la finestra di lancio di ExoMars si aprirà il 20 settembre 2022.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here