ISS addio? A quanto pare gli USA non ci pensano proprio almeno per tutto il decennio

0
1063

La ISS, la stazione spaziale internazionale, una sorta di “città” fluttuante nello spazio, al di sopra della Terra, continuerà a svolgere il suo compito almeno fino al 2030.

Iss, 3/1/2022 - Computermagazine.it
Iss, 3/1/2022 – Computermagazine.it

Se qualcuno pensava che la stessa potesse andare a breve in pensione, si sbaglia, e di molto anche, visto che Bill Nelson, l’amministratore delegato della Nasa, l’agenzia spaziale degli Stati Uniti, ha fatto sapere che il presidente a stelle e strisce Joe Biden, ha sottoscritto un impegno a far continuare la vita della Stazione Spaziale Internazionale almeno fino al 2030, al termine quindi del decennio in corso. Si tratta di un ulteriore prolungamento della vita della stessa Iss, visto che nel 2015 era stato annunciato che la stazione sarebbe andata avanti fino al 2024, e questa ulteriore estensione permetterà lo sviluppo delle varie stazioni spaziali commerciali che sono state presentate nel corso degli scorsi mesi, e che affiancheranno quindi la più famosa Iss.

Iss, 3/1/2022 - Computermagazine.it
Iss, 3/1/2022 – Computermagazine.it

ISS AVANTI FINO AL 2030: L’ANNUNCIO DEGLI STATI UNITI E DELLA NASA

POTREBBE INTERESSARTI La NASA assume 24 preti per un progetto esclusivo: di cosa si tratta?

L’avamposto umano nello Spazio, dislocato nell’orbita bassa terrestre, proseguirà quindi ancora per molti anni, e nel contempo si porteranno avanti i vari programmi per l’allunaggio e la permanenza sulla Luna. “La Stazione Spaziale Internazionale – le parole di Bill Nelson – è un faro di pacifica collaborazione scientifica internazionale e per più di 20 anni ha restituito enormi sviluppi scientifici, educativi e tecnologici a beneficio dell’umanità. Sono lieto che l’amministrazione Biden-Harris si sia impegnata a continuare le operazioni della stazione fino al 2030″. E ancora: “E’ più importante che mai che gli Stati Uniti continuino a guidare il Mondo in crescenti alleanze internazionali e a modellare regole e norme per un uso pacifico e responsabile dello Spazio”.

POTREBBE INTERESSARTI Natale sulla ISS: ecco come stanno festeggiando nello Spazio gli astronauti

Attraverso il sito ufficiale della Nasa, l’ad ha concluso dicendo: “L’estensione delle operazioni fino al 2030 permetterà un altro decennio di avanzamento della ricerca e consentirà una transizione senza soluzione di continuità delle capacità nell’orbita terrestre bassa verso una o più destinazioni di proprietà e gestione commerciale alla fine degli anni 2020. La decisione di estendere le operazioni e i recenti riconoscimenti della NASA per lo sviluppo di stazioni spaziali commerciali insieme garantiscono presenza e capacità umane ininterrotte e continue; entrambi sono aspetti critici del piano di transizione della Stazione Spaziale Internazionale della NASA”. Il problema principale nella questione resta Roscomos, l’agenzia spaziale russa, che in passato ha fatto chiaramente capire di voler costruire la sua stazione spaziale, la ROSS, che potrebbe prendere vita dal 2025. Non è quindi da escludere che i russi si stacchino dalla ISS, avvicinandosi tra l’altro sempre di più alla Cina, con cui sono stati stretti negli ultimi anni diversi accordi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here