Questo ragazzo di soli 22 anni costruisce nel suo garage un chip perfettamente funzionante: ecco come c’è riuscito

0
377

Le nuove mirabolanti avventura di un ragazzo prodigio che da qualche anno sta facendo parlare di sé in tutto il mondo. Un autodidatta che sfida la legge di Moore e riesce a costruire un chip perfettamente funzionante, facendo il giro del mondo.

Chip di memoria 20220126 cmag
Un ragazzo qualunque costruisce un chip nel suo garage – Pixabay

Ha fabbricato a mano chip da 1200 transistor, creato nel suo garage grazie a un po’ di fortuna e abilità, poiché ci sono alcuni requisiti di equipaggiamento per i quali non riesci davvero a trovare soluzioni alternative.

L’ostacolo più grande è un microscopio elettronico per esaminare le caratteristiche dei suoi transistor. Un buon amico gliene ha trovato uno (rotto) e con 1000 dollari se l’è cavata, utilizzando una discreta quantità di know-how e molto tempo a disposizione.

Sulle orme di Jeri Ellsworth. “Con un ulteriore salto di qualità”

Microscopio 20220126 cmag
Costruito un chip con materiali di recupero – Adobe Stock

Non è la prima volta che Sam Zeloof, classe 1990 del New Jersey, fa parlare di sé. Nel 2018 era riuscito a produrre un microchip fatto in casa litograficamente fabbricato, chiamato in seguito Zeloof Z1, un chip amplificatore PMOS a doppio differenziale. Lo scorso anno l’evoluzione: ha raggiunto un numero di transistor di 100 con la creazione dello Zeloof Z2, un array di transistor. Ora un’altra invenzione.

I transistor originali sviluppati presso i Bell Labs nel 1947 e successivamente Fairchild Semiconductor furono creati su banchi di lavoro, con camere bianche molto più tardi. Il chip Z1 che lo ha portato alla fama, utilizza transistor con caratteristiche fino a 175 micron ed è in grado di far lampeggiare un singolo LED e una lattina, per controllare un pedale di distorsione per chitarra.

I chip costruiti in garage non alimenteranno la tua PlayStation, ma Zeloof afferma che il suo insolito hobby lo ha convinto che la società trarrebbe vantaggio dal fatto che la produzione di chip fosse più accessibile agli inventori senza budget multimilionari. “Quella barriera all’ingresso davvero alta ti renderà estremamente avverso al rischio, e questo è un male per l’innovazione” afferma Zeloof su pcper.com.

Il chip Z2, realizzato nel 2021 con silicio policristallino, integrava 1.200 transistor a 10 micrometri (come Intel 4004), tutto naturalmente documentato via social, su Youtube, un canale che ha seguito visti i quasi 80 iscritti e le oltre settecentomila visualizzazioni che ha collezionato il video riguardanti il chip Z2.

Le nuove intuizioni di Sam Zeloof sono nate durante lo scoppio della pandemia da Coronavirus, che ha provocato e sta provocando tutt’ora una carenza globale di semiconduttori. Il punto di partenza è stato facilissimo: il suo talento.

Zeloof ha iniziato a produrre i propri chip quando era alle superiori, nel 2016. È rimasto colpito dai video di YouTube dell’inventore e imprenditrice Jeri Ellsworth in cui ha realizzato i suoi transistor delle dimensioni di un pollice, in un processo che includeva il taglio di modelli da decalcomanie in vinile e una bottiglia di smacchiatore di ruggine.

LEGGI ANCHE >>> Un razzo SpaceX Falcon 9 a marzo impatterà con la Luna: il rischio è più che concreto

Così ha deciso di replicare il progetto di Ellsworth e fare quello che a lui sembrava un passo logico successivo: passare dai transistor solitari ai circuiti integrati, un salto che storicamente ha richiesto circa un decennio. “Ha fatto un ulteriore salto di qualità“, afferma Ellsworth, ora CEO di una startup di realtà aumentata chiamata Tilt Five. “C’è un enorme valore nel ricordare al mondo che questi settori che sembrano così fuori portata sono iniziati in un posto più modesto e puoi farlo tu stesso“.

LEGGI ANCHE >>> iPhone ha un pulsante segreto che pochi sanno come usarlo: ecco il trucco per “riattivarlo”

Una delle migliori scoperte di Zeloof è stato un microscopio elettronico rotto che costava 250.000 dollari all’inizio degli anni ’90; l’ha comprato per mille e l’ha riparato. Ora lo usa per ispezionare i suoi chip alla ricerca di difetti, così come le nanostrutture sulle ali delle farfalle. Un genio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here