Firenze sarà la città italiana dei Droni: dal trasporto merci a quello persone

0
250

Anche l’Italia inizia a far parte di progetti molto importanti e che prevedono il coinvolgimento di droni altamente sofisticati. Ovviamente nessuno poteva prevederlo per il semplice fatto che, il nostro paese, purtroppo non sia molto conosciuto dal punto di vista della tecnologia, ma adesso dovremo ricrederci del tutto: i droni saranno i prossimi corrieri per il trasporto di merci.

Firenze sarà la città italiana dei Droni: dal trasporto merci a quello persone
I droni eguaglieranno i corrieri in Italia molto presto, quindi aspettiamo e vediamo che cosa succederà in futuro – Computermagazine.it

Non vi biasimiamo; il fatto che l’Italia possa essere protagonista di una notizia che abbia a che fare con la tecnologia, beh, suona strano. Probabilmente non siamo fra le nazioni peggiori da questo lato, ma è sicuro anche che non rientriamo tra le migliori in circolazione, ecco perché ogni paese ha i suoi pro e contro come sappiamo molto bene.

Tuttavia, adesso dovremo ricrederci del tutto visto e considerato che, al contrario di quello che ci si aspettava, ora è proprio l’Italia ad apportare una innovazione incredibile soltanto per noi. In particolar modo ha a che fare con il trasporto di merci, il quale verrà eseguito esclusivamente con i droni. Ma dove succederà?

La dichiarazione ufficiale dell’arrivo dei velivoli in Italia

Firenze sarà la città italiana dei Droni: dal trasporto merci a quello persone
Chi è che non vorrebbe avere un drone come corriere? Sicuramente non i ragazzi- Computermagazine.it

La prima città italiana ad ospitare i droni sarà Firenze. È proprio qui che verranno utilizzati per le consegne a domicilio, dunque non allarmiamoci se vedremo dei veicoli aerei trasportare oggetti o alimenti fino a casa nostra; stiamo assistendo soltanto alla messa in atto di un nuovo progetto che potrebbe funzionare a gonfie vele.

Lo annuncia il Comune stesso su Facebook, che dichiara la firma insieme a ENAC, acronimo di Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, del protocollo della AdvancedAirMobility per l’avvio della sperimentazione. Per chi non lo sapesse: questa società è una coalizione che ha il compito di studiare e valutare le questioni tecnologiche e regolatorie dedicate al settore della mobilità aerea urbana, e che vede tra i primi aderenti le città di Amsterdam, Los Angeles, Orlando e SanPaolo.

Tale programma, in sintesi, sarà attuato per favorire l’uso di mezzi innovativi senza o con pilota a bordo – droni e veicoli elettrici a decollo verticale ne sono un esempio lampante – allo scopo di sviluppare, con il tempo, dei “servizi di mobilità aerea efficienti, sicuri, sostenibili e interoperabili con le infrastrutture aeroportuali e/o le infrastrutture di trasporto pubblico“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here