Big Tech attaccate dagli USA, è tutta colpa di Elon Musk?

0
193

Non c’è mai un attimo di riposo con Elon Musk, specie da quando ha avuto la brillante idea di acquistare Twitter e di diventare molto più noto alla comunità di internet. Addirittura delle compagnie tech sono state messe in difficoltà a causa sua, ma in che modo sarebbe successo?

Big Tech attaccate dagli USA, è tutta colpa di Musk?
Elon Musk avrà fatto delle scelte corrette? – Computermagazine.it

Twitter non solo danneggiato, ma anche in custodia ora

La nuova proposta di legge servirebbe a tenere sotto controllo le multinazionali tecnologiche con sede negli USA, evitando che possano fare quello che vogliono in pratica. Lo riferisce il senatore del Partito Democratico Ed Markey, che era entrato in una profonda polemica con lo stesso Elon Musk alcune settimane fa per quanto riguarda i verificati blu su Twitter.

La vicenda è andata così: un reporter del Washington Post aveva creato un finto account Twitter a suo nome sfruttando i glitch dei sistema di Twitter, che di fatto hanno “offerto” a chiunque, per poco tempo, di ottenere un profilo verificato sulla piattaforma. La risposta del CEO di Twitter al Senatore è stata un semplice e ironico tweet, coerente con la personalità esilarante di Elon Musk.

Ed è per questo motivo che Ed Markey ha deciso di analizzare a fondo la piattaforma blu avviando una severa indagine nei suoi confronto, riuscendo a farlo per via del supporto di numerosi altri politici del Partito Democratico. Se ci è riuscito, come è facilmente pensare, sicuramente anche altre persone non erano d’accordo su ciò che stava diventando Twitter.

Elon Musk rifiuta la possibilità di rispondere a Ed Markey: il seguito non è dei migliori

Big Tech attaccate dagli USA, è tutta colpa di Musk?
Alcune compagnie potrebbero avere problemi ora – Computermagazine.it

E nel frattempo che le indagini andavano avanti, il senatore ha inviato una lettera formale a Elon Musk, chiedendo di rispondere ad una serie di interrogativi entro il 25 novembre. Chiaramente non c’è stata alcuna risposta alle richieste del politico, che ha deciso di sottoporre la questione al Congresso per poter risolvere la faccenda una volta per tutte. La situazione si è conclusa con questa risposta provocatoria da parte di Ed Markey:

Elon Musk risponde ai miei tweet ma non riesce a farlo alle mie lettere. La lettera poneva una scadenza a ieri [il 25 novembre; ndr] e poneva delle domande di base sui sistemi di verifica di Twitter. Il Congresso deve porre fine all’era dell’auto-regolazione delle Big-Tech, che si è rivelata fallimentare, e approvare leggi che mettano la sicurezza in rete fuori dalle grinfie dei miliardari“.

🔴 Fonte: www.everyeye.it