La stazione galleggiante che aspira i rifiuti: gli oceani saranno più puliti

0
281

È sempre più difficile riuscire a mantenere puliti gli oceani. Una designer slovacca ha progettato una stazione galleggiante che risponderebbe a questa esigenza.

Struttura che raccoglie rifiuti negli oceani
Stazione galleggiante che pulisce gli oceani

Da molti anni a questa parte, l’unico momento in cui abbiamo visto in nostri mari un po’ più puliti è stato durante il primo grande lockdown da Covid-19. Ma è bastato tornare alla vita di tutti i giorni per inquinarli nuovamente.

Nonostante ci siano tante associazioni a tutela dell’ambiente, riuscire a controllare questo processo è impresa molto ardua. Se consideriamo che il nostro pianeta è ricoperto principalmente da acqua e che gli oceani sono fin troppo profondi, è quasi impossibile tenere la situazione sotto controllo.

In effetti, una soluzione sembra essersi palesata. Grazie ad un progetto ideato dalla designer slovacca Lenka Petrakova, le nostre acque potranno essere ripulite attraverso una stazione galleggiante che raccoglierà i rifiuti negli oceani.

POTREBBE INTERESSARTI –> Toyota Supra di Paul Walker di Fast and Furious all’asta: preparate i soldi

La stazione galleggiante che ripulirà gli oceani

Oltre ad avere un’eleganza ed un design mozzafiato, questa struttura ha un sistema di depurazione davvero efficace: rimuove i rifiuti e li scompone in materiale riciclabile. Il progetto prende il nome di The 8th Continent (“L’8° Continente”), presentato al “Gran Premio 2020 per l’architettura e l’innovazione del mare” e promosso a pieni voti dalla Fondazione Jacques Rougerie.

Gli oceani oggi non sono solo regioni inquietanti e proibite, ma aree che, nonostante il fatto che potrebbero non aver mai visto un essere umano, risentono degli effetti delle attività umane

Così scrive la Petrakova, riferendosi al progetto. La stazione è stata collocata nella posizione definita Great Pacific Garbage Patch. Un’architettura dinamica che segue tre diversi principi ecologici fondamentali.

L’inquinamento marino da plastica ha avuto un impatto su almeno 267 specie. A livello globale, milioni di tonnellate di rifiuti entrano nell’oceano ogni anno. A causa delle correnti oceaniche, questi rifiuti di plastica vengono raccolti in aree particolari, una di queste è il Great Pacific Garbage Patch

Spazzatura dal mare
Rifiuti degli oceani Foto di Artem Beliaikin da Pexels

Quello delle fluttuazioni, secondo il quale viene considerato come luogo in cui interagiscono diversi processi culturali e naturali. Quello di stratificazione, grazie al quale l’organizzazione dell’edificio è definita dalle interazioni tra le sue diverse proprietà e livelli. Infine, quello di interdipendenza: massima reciprocità tra le proprietà degli edifici e l’ambiente.

POTREBBE INTERESSARTI –> Amazon Prime e Netflix tremano: arriva un altro colosso del video streaming

La struttura ha, dunque, il compito di restituire l’equilibrio all’ambiente marino. Ovviamente, la collaborazione di tutti nel ridurre l’inquinamento potrà soltanto accelerare questo percorso.

Pesce in trappola
Plastica intorno ad un pesce Foto di Nataliya Vaitkevich da Pexels

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here