Le abissali differenze tra Whatsapp e Whatsapp Web:perché gli utenti continuano a preferire la versione mobile

0
241

Molti di voi sapranno, o forse non tutti, che l’applicazione di messaggistica WhatsApp, quella più utilizzata al mondo, ha una sua versione “gemella” anche per computer, ovvero WhatsApp Web.

Whatsapp e WhatsApp web, le differenze
Whatsapp e WhatsApp web, le differenze: scopriamole insieme

I due programmi non sono però identici e differenziano in una serie di caratteristiche: scopriamole insieme. La prima cosa da sapere, come anticipato sopra, è che WhatsApp è disponibile in due diverse modalità di fruizione, sia per mobile quanto per fisso. Si tratta senza dubbio di una comodità per coloro che lavorano al computer e che nel contempo sono costretti a stare al telefono per rimanere collegati con vari contatti. In questo modo si ha quindi tutta la comodità di usufruire dell’app di proprietà di Mark Zuckerberg stando comodamente al lavoro.

WHATSAPP E WHATSAPP WEB, COSI’ SIMILI MA COSI’ DIVERSE…

Whatsapp e Whatsapp web: in cosa differenziano?
Whatsapp e Whatsapp web: in cosa differenziano? Scopriamolo assieme

Come detto sopra, esistono però delle differenze sostanziali fra le due alternative, a cominciare dal dire che la versione web non necessita di alcun download ne tanto meno di alcuna installazione: basta digitare l’indirizzo sul proprio browser e ci si può collegare al proprio account (sia per computer dotati di sistema operativo Windows sia per macOS). Diversamente, la versione classica di WhatsApp, necessita di un’app dedicata e quindi di essere scaricata e poi installata sui propri dispositivi mobile che siano lo smartphone o il tablet (sia per iOS quanto Android).

POTREBBE INTERESSARTI Finita la pacchia: su WhatsApp e Telegram rintracciati e chiusi i canali che fornivano quotidiani gratis

In ogni caso bisogna avere sempre nei paraggi del pc il proprio smartphone, altrimenti l’account non verrà riconosciuto e non ci si potrà collegare, si risulterà quindi offline. Entrambi i software sono ovviamente gratuiti, e quando si utilizza per la prima volta la versione web bisognerà dare il proprio “consenso” attraverso l’app, utilizzando il Qr code.

Una volta infatti che si aprirà la pagina di WhatsApp Web da Chrome, Safari, Edge e via discorrendo, apparirà il codice Qr (molto di moda in questi mesi per via del green pass e della campagna di vaccinazione); a quel punto bisognerà prendere il proprio smartphone e fotografare lo stesso codice: il gioco sarà fatto e si verificherà il “match”, ovvero, l’associazione fra i due account.

POTREBBE INTERESSARTIGrossi guai per WhatsApp, multa record da 225 mln di euro per violazione Privacy

A quel punto avverrà di fatto la sincronizzazione e le chat che avrete sul telefono appariranno “magicamente” anche sul dekstop, così come tutto il resto si trovi nell’applicazione di messaggistica, quindi foto, video e via discorrendo. Al momento la principale differenza sta nelle videochiamate di gruppo, che via web non si possono effettuare, nonché nella modalità stories, che non è ancora stata implementata al meglio sulla versione desktop: in poche parole, potremo vedere le storie pubblicate dai nostri amici in rubrica, ma non si potrà crearne di nuove.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here