E’ dei cinesi il record di permanenza nello spazio: ecco come lo hanno raggiunto e lo scopo

0
327

L’agenzia spaziale cinese registra un nuovo record, ovvero, la missione più lunga nello spazio da parte degli astronauti di Pechino. I tre membri della Cnsa, acronimo di Chinese National Space Administration, appunto l’agenzia spaziale cinese, erano partiti lo scorso giugno 2021 alla volta della stazione spaziale Tiangong, e sono rientrati nelle scorse ore sulla Terra.

Agenzia spaziale cinese, nuovo record (Foto Globaltimes)
Agenzia spaziale cinese, nuovo record: i dettagli (Foto Globaltimes)

La missione, denominato Shenzhou-12, è durata in totale tre mesi, ed è stata, come detto sopra, la più lunga nella storia dell’agenzia spaziale della Cina. A riportare la notizia, “festeggiando”, è stata la tv di stato, la CCTV, sottolineando come Nie Haisheng, Liu Boming e Tang Hongbo partiti il 17 giugno dal deserto del Gobi, nel nordovest del Paese, abbiano rimesso piede sulla Terra dopo esattamente tre mesi di permanenza oltre la Terra.

NUOVA MISSIONE NELLA SPAZIO DA RECORD PER LA CINA: TRE MESI DI PERMANENZA, E IN FUTURO…

POTREBBE INTERESSARTILa Cina sta schiacciando l’occidente nella corsa ai computer quantistici, cosa comporterà tutto questo?

La capsula con all’interno i tre addetti ai lavori è atterrata grazie al paracadute alle ore 13:53 locali, quando erano le 7:35 in Italia, così come appunto riferito dal network statale attraverso una diretta televisiva sull’evento: “La navicella spaziale con equipaggio Shenzhou-12 è atterrata con successo”. Nie Haisheng, scherzando con i suoi compagni di missione, ha invece commentato durante la fase di rientro “Il vero oro non teme il fuoco”. L’atterraggio è avvenuto in totale sicurezza e come ha spiegato ancora Cctv, “sta aspettando l’arrivo delle squadre di ricerca e soccorso a terra”.

POTREBBE INTERESSARTIEvento SpaceX: per la prima volta nello spazio solo dei civili sul razzo di Musk

La Cina è quindi una delle grandi protagoniste dello spazio e negli ultimi anni ha cercato di colmare il divario rispetto alla Nasa, l’agenzia spaziale degli Stati Uniti, l’Esa, l’agenzia europea, e quindi Roscomos, quella russa. I fatti sono evidenti sotto gli occhi di tutti e nelle ultime due decadi la China National Space Administration ha dato vita ad alcune missioni di rilevanza tecnologica e scientifica come l’invio nello spazio degli astronauti, detti taikonauti, ma anche il dispiegamento di ben tre stazioni spaziali, lo sviluppo di razzi, l’invio di esploratori robotici, i rover, sul lato oscuro della Luna e su Marte. E il futuro cosa potrebbe riservarci? Secondo quanto svelato negli scorsi mesi da parte del South China Morning Post, l’idea di Pechino è quella di dare vita ad una stazione spaziale esagerata, una vera e propria città nello spazio lunga diversi chilometri. Esternamente sarebbe molto simile alle astronavi che abbiamo imparato a conoscere nelle pellicole hollywoodiane come Star Wars e Star Trek e permetterebbe di dare vita a missioni di lunga durata ma anche allo sfruttamento delle risorse minerarie della Luna e degli asteroidi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here