Svelato l’oggetto alieno misterioso che nel 2014 squarciò il cielo notturno in Nuova Guinea

0
240

Una meteora interstellare. La prima. E’ stata classificata così quella palla di fuoco che ha squarciato i cieli notturni della Nuova Guinea nel 2014. Lo ha confermato lo United States Space Command (USSC), in una nota.

Asteroide 20220414 cmag
Asteroide – Adobe Stock

Gli scienziati ritengono che possa aver spruzzato detriti interstellari nell’Oceano Pacifico meridionale. La conferma supporta la scoperta rivoluzionaria della prima meteora interstellare – e, retroattivamente, il primo oggetto interstellare conosciuto di qualsiasi tipo a raggiungere il nostro sistema solare – che è stata inizialmente segnalata da una coppia di ricercatori dell’Università di Harvard in uno studio pubblicato sul server di prestampa arXiv nel 2019.

Amir Siraj, uno studente di astrofisica ad Harvard che ha guidato la ricerca, ha affermato che lo studio è in attesa di revisione e pubblicazione, ma è stato ostacolato dalle strane circostanze sorte dalla pura novità della scoperta e dai blocchi stradali posti dal coinvolgimento di informazioni classificate dal governo degli Stati Uniti.

“Abbiamo materiale interstellare, e sappiamo dove si trova”

Asteroide 20220414 cmag 2
Asteroide – Adobe Stock

La scoperta della meteora, che misurava solo pochi metri di larghezza, segue i recenti rilevamenti di altri due oggetti interstellari nel nostro sistema solare, noti come Oumuamua e la cometa Borisov, che erano molto più grandi e non entravano in stretto contatto con la Terra.

Mi eccita solo pensare al fatto che abbiamo materiale interstellare che è stato consegnato sulla Terra e sappiamo dove si trova“. Così Siraj, direttore degli studi sugli oggetti interstellari al Progetto Galileo di Harvard. “Una cosa che controllerò, e di cui sto già parlando con le persone, è se è possibile perquisire il fondo dell’oceano al largo della costa della Papua Nuova Guinea e vedere se riusciamo a ottenere qualche frammento“.

Siraj ha riconosciuto che le probabilità di una tale scoperta sono basse, perché tutti i resti della palla di fuoco esplosa probabilmente sono atterrati in piccole quantità in una regione disparata dell’oceano, rendendo difficile il rintracciamento.

Sarebbe una grande impresa, ma la esamineremo in modo estremamente approfondito – continua – perché la possibilità di ottenere il primo pezzo di materiale interstellare è abbastanza eccitante”.

Siraj e il coautore dello studio Avi Loeb, che serve come Frank B. Baird, Jr. Professor of Science all’Università di Harvard, sono stati ispirati a cercare potenziali palle di fuoco interstellari sulla scia della scoperta di Oumuamua, un oggetto interstellare che misura circa un quarto di miglio che è stato avvistato sfrecciare fuori dal sistema solare nel 2017.

Loeb, che ha notoriamente ipotizzato che Oumuamua potrebbe essere stato un pezzo di tecnologia aliena, ha suggerito che Siraj esamini un database di palle di fuoco e impatti di meteoriti gestito dal Center for Near della NASA studi sugli oggetti della terra (CNEOS).

Ci sono quasi 1.000 impatti registrati nel database, ma una palla di fuoco esplosa vicino all’isola di Manus l’8 gennaio 2014 è saltata fuori a Siraj a causa di una velocità insolitamente elevata che supera le 130.000 miglia orarie.

Questo ritmo vertiginoso suggerisce “una possibile origine dall’interno profondo di un sistema planetario o da una stella nel disco spesso della galassia della Via Lattea“, secondo lo studio del 2019 del team. Ora la tanto attesa conferma.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here