Apple si unisce alla Next G Alliance: già al lavoro sulla tecnologia 6G

0
56
Apple brand
Apple brand

La Apple si conferma ancora una volta azienda all’avanguardia; la multinazionale di Cupertino, nonostante abbia accolto solo recentemente la tecnologia 5G con il suo iPhone 12, è già al lavoro su quella che sarà la velocità di connessione del futuro, il 6G. La Apple si è infatti unita assieme ad altro società di tecnologia e networking di prim’ordine, ad un gruppo industriale che sta appunto implementando l’attuale tecnologia 5G allo step successivo e oltre. L’Atis, acronimo di Alliance for Telecommunications Industry Solutions, ha fatto sapere a riguardo che la Apple ha aderito alla Next G Alliance (tradotto significa l’alleanza del prossimo G), che sta al momento lavorando per “far avanzare la leadership della tecnologia mobile nordamericana nel 6G e oltre nel prossimo decennio, pur continuando a portare avanti l’evoluzione a lungo termine del 5G “. Oltre alla multinazionale della Mela, all’interno di questo gruppo troviamo altri colossi mondiali del web e della tecnologia, a cominciare da Google, passando per la Hewlett-Packard, Intel, LG, quindi Charter, Cisco, arrivando fino a Keysight Technologies, LG, Mavenir, MITRE e VMware.

Rete 5g
Rete 5g Photo by Bruno Oliveira on Unsplash

APPLE E NEXT G ALLIANCE INSIEME PER IL 6G: ARRIVERA’ NEL 2030?

La Next G Alliance ha diramato una breve nota per meglio specificare il suo progetto: “Progettata per gettare le basi per un mercato dinamico per l’innovazione nordamericana nelle future generazioni di tecnologia mobile, Next G Alliance prende il nome dal suo obiettivo principale: stabilire la preminenza nordamericana nel percorso evolutivo del 5G e nello sviluppo del 6G. Il suo lavoro comprenderà l’intero ciclo di vita di ricerca e sviluppo, produzione, standardizzazione e preparazione al mercato”. La tecnologia 6G dovrebbe garantire velocità di dati e di connessioni davvero incredibili, e al momento si parla di uno “speed” compreso fra 8.000 gigabit o 1 Terabit per secondo, 0,1 ms di latenza e con l’aggiunta di un’efficienza energetica di 10 volte superiore a quella del 5G. Il suo arrivo? Non prima del 2030, a meno che la Next G Alliance non riescano ad accelerare i tempi.

LEGGI ANCHE MagSafe song, il geniale brano con il campionamento del MagSafe di Apple

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here