Parler ha licenziato il suo CEO

0
287

Parler ha licenziato il suo CEO e co-fondatore John Matze dopo quanto successo nei fatti del Campidoglio statunitense. 

Parler
Parler (logo via parler.com)

Parler perde un altro, l’ennesimo, pezzo. Dopo che la piattaforma social è stata cancellata da internet, il CEO nonché fondatore dell’app John Matze, ha affermato di essere stato licenziato dal consiglio di amministrazione della sua azienda. A riportare le parole dell’ormai ex dirigente di Parler, Fox News e The Wall Street Journal. A riprova della conclusione dei rapporti tra Matze e Parler, la pagina LinkedIn dell’ex dirigente, dove è segnata la fine dell’occupazione a gennaio 2021.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Parler: rieccolo online sui server Epik di Gab e 8chan

Quando citiamo Parler, parliamo del social network al centro della bufera dopo quanto è avvenuto a inizio gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti. Una rivolta che ha visto coinvolti numerosi iscritti alla piattaforma social pro-Trump, rimossa successivamente sia da Apple che da Google dai loro rispettivi store. Anche Amazon ha deciso di tagliare i ponti con Parler, interrompendo immediatamente l’hosting del sito web AWS dell’azienda. Vani i tentativi di venirsi incontro, sia da parte di Parler che dai colossi dell’informatica al quale hanno chiuso la porta in faccia.

Parler ha licenziato il suo CEO: ecco le motivazioni

Parler John Matze
John Matze, CEO di Parler (via foxnews.com)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Parler, il social network dei sostenitori di Trump registra un picco di iscritti

Le motivazioni dietro il licenziamento di Matze? Come ha confermato lo stesso ex CEO, una visione agli antipodi per quanto riguarda la libertà di espressione e la moderazione dei contenuti hanno portato all’inevitabile divorzio con il consiglio di amministrazione dell’azienda. Non solo, a mettere ulteriore carne sul fuoco una possibile falla nella privacy dei suoi iscritti. È infatti emerso che Parler abbia raccolto ben più dati di quanti si è soliti condividere con un social network, tra cui dettagliate posizioni geografiche. Informazioni che si sono tuttavia rivelate utili nell’individuare i rivoltosi coinvolti nell’attacco al Campidoglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here