Usciti i biglietti, e i prezzi, per le gite nello spazio. Ecco come procede il turismo spaziale

0
212

Il dinamico trio ha aperto un nuovo mondo. Richard Branson, Elon Musk e Jeff Bezos si sono dati un bel da fare per inaugurare l’era del turismo spaziale. Dapprima sembrava un semplice sollazzo personale, ma sin da subito si è capito che il nuovo mondo sarebbe stato motivo di business e anche di qualche azione umanitaria.

Il turismo spaziale è sempre più realtà (Adobe Stock)
Il turismo spaziale è sempre più realtà (Adobe Stock)

Richard Branson è stato il primo a volare nello spazio, seguito a ruota da Jeff Bezos. Elon Musk ha utilizzato SpaceX per dar vita a Inspiration4, una missione spaziale privata che si è svolta a bordo del veicolo spaziale Crew Dragon Resilience di SpaceX nell’orbita terrestre bassa gestita da SpaceX per conto di Jared Isaacman.

Con tanto di video di quel 16 settembre, quando quattro membri dell’equipaggio a bordo di Crew Dragon Resilience, un volo storico, con a bordo solo cittadini che non fanno parte di nessuna agenzia spaziale.

Turismo spaziale, le immagini parlano chiaro

Crew Dragon di solito trasporta una porta di attracco per le attività della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), ma senza bisogno di visitare il laboratorio orbitante in questa missione, i membri dell’equipaggio di Inspiration4 hanno scelto di utilizzare invece una finestra a cupola, per avere una vista della Terra da 367 miglia (590 chilometri), più in alto di quanto Crew Dragon avesse mai volato prima. L’altitudine della ISS è di circa 250 miglia (400 km).

Uno degli obiettivi principali della missione Inspiration4 era raccogliere 200 milioni di dollari e un sacco di consapevolezza per il St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis, nel Tennessee. L’equipaggio ha anche parlato con una manciata di pazienti di St. Jude dallo spazio, inclusi alcuni trattati da Arceneaux, un sopravvissuto a un cancro infantile che è stato curato a St. Jude e oggi lavora come assistente medico presso l’ospedale.

Sia come sia, a fare notizia più di tutti è sempre Elon Musk, il miliardario eclettico e sopra le righe che qualunque cosa faccia, è sempre sotto i riflettori. Per lui e per le sue missioni spaziali si parla di gennaio 2022. In quella data SpaceX la navicella Crew Dragon vivrà una nuova avventura: porterà 3 clienti paganti sulla Stazione Spaziale Internazionale per conto della società di Houston Axiom Space.

LEGGI ANCHE >>> DAZN sa come farsi perdonare: dopo il down del 23 settembre regala un mese gratis come indennizzo

Ma quanto costerà il turismo spaziale? Al momento, pur essendo stati davvero pochi i viaggi spaziali a carattere turistico, è possibile fare una piccola “price comparison” da cui emerge che i voli di Virgin Galactic sono i meno costosi: circa 450.000 dollari. Figuriamoci gli altri competitor allora quanto faranno pagare.

LEGGI ANCHE >>> Samsung Galaxy S22 Ultra, i render usciti stupiscono gli utenti: fotocamera unica e S Pen

Anche i voli di Blue Origin sembrano aggirarsi intorno alla stessa cifra di quelli di Virgin Galactic, mentre costeranno sicuramente di più quelli di SpaceX, che oltre a utilizzare navicelle di diversa natura rispetto a quelle di Virgin, che sono ibride, compiono anche viaggi più lunghi tanto da arrivare fino alla ISS.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here