Nelle stazioni Supercharger di Tesla arriva la connessione Starlink per i conducenti

0
147

Un obiettivo sensibile per Elon Musk. Il Paperon de’ Paperoni sudafricano, con cittadinanza canadese, naturalizzato statunitense continua dritta per la sua strada. Fino allo spazio. Credendo ciecamente nella sua creatura, chiamata Starlink.

Tesla Supercharger (Adobe Stock)
Tesla Supercharger (Adobe Stock)

Finora Space Exploration Technologies Corporation, un’azienda aerospaziale americana (di Hawthorne) costituita da Elon Musk nel 2022, ha lanciato nello spazio un totale di quasi duemila satelliti Starlink dal 2018, con l’obiettivo di fornire accesso a Internet anche nelle aree più remote del mondo.

Starlink ha anche lanciato una versione più leggera e rettangolare di Dishy McFlatface, sebbene questo non assomigli al modello installato sulla stazione Florida Supercharger. Obiettivo? Portare la connessione nelle stazioni Supercharger di Tesla, per i conducenti.

Un dispositivo Starlink apparso in Florida, apre un mondo

Starlink, la connessione internet satellitare di SpaceX
Starlink, la connessione internet satellitare di SpaceX

Ricaricare una Tesla non è l’esperienza più entusiasmante, soprattutto se non si sta pagando il piano dati cellulare fornito con un abbonamento Premium Connectivity, ma un rapporto di Electrek rileva che potrebbe essere in procinto di cambiare.

Secondo l’indiscrezione, infatti, un utente su Reddit ha notato un dispositivo Starlink, che si chiama Dishy McFlatface era presente in una stazione di Supercharger a Lake City, in Florida. Non è ancora chiaro dove Tesla abbia schierato altri Dishy McFlatface, o dove abbia intenzione di distribuire antenne satellitari Starlink, ma è chiaro che qualcosa bolle in pentola.

È possibile che il dispositivo fornisca Wi-Fi gratuito ai clienti senza il piano di connettività Premium di Tesla: quelli con l’abbonamento da 10 dollari al mese possono usufruire delle app di intrattenimento integrate di Tesla, come Netflix, Spotify, Hulu, YouTube e altro, con l’accesso ai dati cellulari. Se le antenne paraboliche sono lì per fornire Wi-Fi mentre si ricarica l’auto, ciò significa che anche i conducenti con connettività standard possono accedere alle opzioni di intrattenimento in auto, mentre alimentano i loro veicoli elettrici.

Potrebbe anche avere a che fare con il piano Elon Musk di rendere disponibile la rete Supercharger ad altri tipi di veicoli elettrici. Secondo una stima di Goldman Sachs, infatti, le entrate annuali di Tesla ottenute dalla ricarica potrebbero saltare da un miliardo a venticinque, se apre stazioni di ricarica ad altri veicoli elettrici.

Il costo della ricarica presso una stazione Supercharger varia durante il giorno e i conducenti vengono addebitati in kilowatt all’ora o al minuto. Avere accesso gratuito a Internet tramite Starlink potrebbe attirare conducenti al di fuori dell’ecosistema Tesla, forse anche aiutando Tesla a superare la stima di Goldman Sachs.

Tesla ha già iniziato a consentire ai veicoli elettrici terzi di accedere alle stazioni Supercharger in 10 località nei Paesi Bassi e probabilmente ha iniziato il progetto pilota lì, perché i connettori dei cavi di ricarica standard sono obbligatori in Europa. Negli Stati Uniti, invece, i veicoli elettrici non Tesla avranno bisogno di adattatori per utilizzare le stazioni Supercharger, il che complica le cose. Se e quando i Supercharger saranno resi disponibili a tutti, l’aggiunta del Wi-Fi gratuito oltre ai tempi di ricarica rapidi, potrebbe coinvolgere altri conducenti di veicoli elettrici a scegliere i Supercharger, rispetto a, per esempio, ChargePoint ed EVgo. Chissà.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here